Home | Novi Ligure e il Novese | Festival Lavagnino, una rassegna poliedrica

Novità interessanti ed inedite, nel segno del ricordo di Coppi e del Gregario Sandrio Carrea

Festival Lavagnino, una rassegna poliedrica

Festival LavagninoConcerto per un Campionissimo”.
Questo infatti è stato il tema conduttore di una performance dell’Orchestra classica di Alessandria svoltasi al Teatro civico di Gavi, per un omaggio alla figura di Coppi e del suo gregario, il gaviese Sandrino Carrea, recentemente scomparso.

Il tutto nell’ambito della 13° edizione dell’ormai più che consolidato Festival “A.F. Lavagnino” La voce della memoria è stata quella del figlio del grande campione, Faustino, che ha ricordato, assieme all’attore Emanuele Arrigazzi, i momenti più belli vissuti con il padre. Spazzi di vita vissuta intercalati ad un documentario: “La Grande Olimpiade” del 1961, musicato da Angelo Francesco Lavagnino.

Vocalist della serata, durante la quale sono stati proposti brani sull’epopea del pedale, è stata Claudia Pastorino, cantautrice genovese. Il Festival si è poi spostato ad Arquata Scrivia dove il 4 ottobre, al Teatro Juta, con “Gente di cinema” sono stati proposti aneddoti e colonne sonore con la partecipazione di Roberta Aloisio, cantante-attrice che nel 2011 a Loano è stata premiata con la prestigiosa Targa Tenco. Nel corso della serata al compositore- arrangiatore Marco Grasso è stato consegnato il “Lavagnino Composer Award”.

La serata conclusiva del Festival si è svolta sabato 12 ottobre all’auditorium del “Museo dei Campionissimi” a Novi Ligure, con in cartellone lo spettacolo a sostegno della LILT (Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori) “Ci vuole orecchio”, un mix di musica, storie di partiture, canzoni d’autore e filmati. Sul palco, tra gli altri, il coro delle voci bianche “Alfredo Casella” diretto da Raffaella Tassistro. Ospite d’onore presentato da Serena Piscitello Paolo Jannacci al quale è andato il premio “Lavagnino TV 2013”.

Prima del calare del sipario, il Prefetto di Alessandria, Romilda Tafuri, ha consegnato allo staff organizzatore del “Lavagnino”, la Medaglia del Capo dello Stato a suggello dell’attività meritoria sino ad oggi svolta da questo gruppo di cultori dello spettacolo, dell’arte e della cultura.

 

 

 

Arnaldo Liguori
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina