Home | Entroterra Genovese | Lorusso (Idv) : una battaglia contro il gioco d’azzardo

Il consigliere comunale di Busalla porta avanti la raccolta firme

Lorusso (Idv) : una battaglia contro il gioco d’azzardo

1048867_613399462025066_1795496309_o Il proliferare del gioco d’azzardo sta diventando una piaga sociale sempre più evidente nella nostra società, la Valle Scrivia purtroppo non è risparmiata e l’aumentare della crisi economica e dell’insicurezza per il futuro fa crescere nelle persone, specialmente quelle più disagiate e più messe ai margini dalla società (pensionati al minimo, disoccupati, ecc…) la speranza di guadagni facili. Come è ovvio immaginare però ben pochi si arricchiscono, mentre famiglie intere vedono rovinati i risparmi di una vita.

La ludopatia, ovvero la malattia del gioco d’azzardo, è stata anche l’oggetto di un convegno a novembre a Busalla, che ha visto la partecipazione dell’onorevole Lorenzo Basso. Oggi il consigliere comunale di opposizione Fabio Lorusso, membro del direttivo regionale di Italia dei Valori sta portando avanti una raccolta firme per dire basta a questa autentica piaga della nostra società. Lorusso spiega che ci sono due rischi diversi «il primo arriva dalle sale gioco, è più evidente ed appariscente, mentre il secondo è molto più subdolo : sono tutte le “macchinette” slot installate nei bar, nelle cartolerie, nelle tabaccherie, ecc… qui il rischio è molto più alto perchè si tratta di locali ai quali, a differenza delle sale slot, possono tranquillamente entrare i minori. Penso ad un ragazzino che entra nel bar per comprarsi un gelato e si trova davanti la macchinetta, addirittura i bambini più piccoli pensano siano dei videogiochi! bisogna porre un freno a tutto questo. Prendiamo l’esempio qui di Busalla, ci sono moltissimi bar ma quelli che rinunciano alle slot si contano sulle dita di una mano».

La raccolta firme di Lorusso è stata ed è tuttora portata avanti a Busalla e nel Municipio Val Polcevera, particolarmente colpito dal fenomeno delle “sale gioco”, e fino ad oggi hanno firmato moltissime persone.

La proposta di Italia dei Valori prevede il divieto assoluto e totale dei giochi con puntate di denaro, da considerarsi gioco d’azzardo (con l’eccezione del lotto, delle lotterie e delle scommesse sugli eventi sportivi come calcio, ippica, automobilismo, ecc…), qualificando come delitto le violazioni del divieto di tenuta del gioco d’azzardo, per contrastare la potenza economica delle lobbies di pressione, presenti anche nella politica.

Il consigliere Lorusso spiega inoltre che la battaglia contro il gioco d’azzardo è uno strumento utile per far risparmiare allo Stato e combattere la grave evasione fiscale.

Alcuni dati : il gioco d’azzardo ha un fatturato annuo di quasi 100 miliardi di €, pari al 4% del pil nazionale, in Italia vi sono circa 400,000 slot machines, 6,181 locali e agenzie autorizzate, questo ha prodotto circa 800,000 giocatori affetti da ludopatia, e dai due ai tre milioni di italiani sono definiti “a rischio patologico”.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina