Home | Entroterra Genovese | Parodi : Isola del Cantone grazie, ma mi fermo qui

Il primo cittadino traccia il bilancio dei cinque anni e non si ricandida

Parodi : Isola del Cantone grazie, ma mi fermo qui

Parodi isola Continua il nostro viaggio nei Comuni al voto, ascoltando le voci dei sindaci uscenti al primo mandato. Questa volta, dopo i sindaci Campo Ligure e Masone, ci spostiamo nell’Alta Valle Scrivia, incontrando il sindaco di Isola del Cantone, Maria Cristina Parodi.

 Sig.ra Parodi, per cominciare la domanda secca che abbiamo fatto anche agli altri Sindaci uscenti, si ricandida per un secondo mandato?

No, da qualche tempo ho deciso di non ricandidarmi, non me la sono più sentita perché oltre ad essere un impegno molto forte, ho deciso di dedicarmi alla mia famiglia ed alla mia professione. Aggiungo che non farò nemmeno parte di una lista in campo, la mia esperienza politica per ora finisce qui.

 Valuta positivamente la sua esperienza amministrativa, specialmente in un periodo come questo dove i Comuni hanno tanti problemi?

Malgrado sia stato un momento difficile per tutti, devo dire che è stata una bella esperienza, ho lavorato molto bene con il gruppo che mi ha sostenuto. Purtroppo i Sindaci, in questi periodi, si trovano a combattere con i mulini a vento, perché spesso tutto quello che si vorrebbe fare non si può fare per mancanza di fondi. E’ molto diverso vedere le cose da cittadino e da amministratore.

 Quali sono i principali obiettivi raggiunti dall’amministrazione uscente?

Direi parecchi, innanzi tutto sono stati portati a termine dei lavori iniziati nella giunta precedente, siamo riusciti a ripristinare le strade, comprese quelle delle frazioni pur avendo il territorio geograficamente più esteso della Valle Scrivia, la realizzazione del Museo a Palazzo Spinola e la sistemazione della frazione del Cantone, dove ringrazio anche i privati, che hanno ridipinto le varie facciate.

 Il Museo storico della Valle Scrivia può essere un buon volano anche a livello turistico, magari prendendo spunto dalla Valle Stura che ha creato una rete museale…

E’ un nostro fiore all’occhiello, è attualmente l’unico museo esistente in Valle Scrivia, questo museo prima si trovava nella frazione San Bartolomeo di Savignone, grazie ad una collaborazione tra il nostro Comune ed il Comune di Savignone siamo riusciti a portare il museo, nettamente ampliato ed ingrandito nel Palazzo Spinola. Per questo ringrazio anche lo storico Giovanni Meriana ed il sindaco di Busalla, Mauro Valerio Pastorino. Ad oggi il museo è stato un grande successo, abbiamo già superato i mille visitatori e vengono numerose scolaresche a visitarlo. Per quanto riguarda la rete museale, abbiamo Silvana Balbi che se ne occupa, possiamo anche noi creare una rete culturale con il nostro museo, il Castello della pietra di Vobbia, il borgo medioevale di Senarega a Valbrevenna, il castello di Borgo Fornari ed altro ancora.

 Inoltre uno dei punti di forza del suo comune è l’evento Isola Jazz, che ogni anno si amplia…

Si, è stato voluto proprio da Giulio Assale nel 2003, grazie a Massimo Faraò ed all’arrivo di Bobby Durham, il grande batterista americano che si era stabilito qui nei primi anni ’90 nella zona del Cantone, diventando un personaggio ed una sorta di “mascotte” per il paese. Purtroppo, a causa dei tagli, abbiamo perso i “Giovedì musicali” l’evento di cui siamo stati il comune capofila in Liguria. Fortunatamente “Isola Jazz” ha fatto conoscere il nostro comune in tutta Italia ed abbiamo anche preso il premio a Sanremo di “Miglior spettacolo dell’entroterra ligure”.

 L’Unione dei Comuni è stato un risultato importante, pensa che porterà vantaggi importanti per la Valle Scrivia e per Isola del Cantone?

Sicuramente, mettere assieme delle funzioni e portare avanti progetti, in una zona che per molto tempo ha avuto un forte campanilismo come la Valle Sscrivia è una cosa notevole. Vedremo però il suo funzionamento a pieno regime dopo le prossime elezioni.

 La raccolta differenziata ad Isola, come in tutta la Valle Scrivia è una nota dolente, cosa si può fare per aumentare le percentuali?

Deve essere fatta assolutamente a livello di Unione dei Comuni, prima eravamo tutti, esclusa Busalla con “Scrivia Ambiente”, adesso bisogna fare nuovi progetti. Nel nostro Comune abbiamo cominciato la raccolta dell’umido con gli esercizi pubblici e nella zona dei condomini, per ora non viene fatta nelle frazioni.

 La squadra che porterà avanti l’amministrazione attuale sarà simile a cinque anni fa o ci saranno cambiamenti?

Si sta costruendo una squadra molto forte e molto allargata, che sosterrà quasi sicuramente Giulio Assale come candidato sindaco. In questi cinque anni la squadra ha tenuto molto bene, a differenza di quanto avvenuto in altri comuni della valle non ci sono stati cambi in corsa. Negli ultimi mesi inoltre è avvenuto un avvicinamento da parte di alcuni esponenti dell’attuale minoranza. La prossima squadra vedrà sicuramente delle conferme, con persone che hanno avuto a che fare con l’amministrazione isolese ma anche molti giovani.

 Una domanda un po cattiva : qui ad Isola del Cantone è ormai sicuro il ritorno di Assale che è stato sindaco dal 1999 al 2009, a Busalla ci sono addirittura due ritorni, ovvero Maieron e Traverso. La Valle Scrivia va in controtendenza rispetto al rinnovamento che sta caratterizzando la politica?

C’è da fare un discorso di base : qui ad Isola, Giulio Assale, che è stato un sindaco molto popolare, ha continuato a far parte direttamente della giunta ed ha portato avanti il suo lavoro; a Busalla il discorso è diverso si tratta di due ex sindaci che sono fuori dai giochi uno da dieci anni, l’altro da oltre venti. Riguardo al rinnovamento io penso una cosa : è giusto “svecchiare” ma non si può nemmeno dare un’azienda ad esempio in mano a un giovane senza esperienza. Come dicevo prima la squadra a sostengo di Assale avrà molti giovani in campo.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina