Home | Entroterra Genovese | Giuseppe Coniglio : a Busalla i cittadini al centro della politica

Si scaldano i motori in vista delle amministrative del 25 maggio

Giuseppe Coniglio : a Busalla i cittadini al centro della politica

giuseppe coniglio La campagna elettorale di Busalla si prevede molto combattuta, è notizia di questi giorni la nascita di una quinta lista, capitanata da Giuseppe Coniglio (che abbiamo intervistato) e Rinaldo Bellomo.

Sig. Coniglio, lei ha annunciato la nascita di una nuova lista, c’è già il nome e la squadra?

La squadra è praticamente pronta, la speranza e di riuscirci entro il 20-22 aprile, altrimenti potrebbe essere tardi.

Come sarà composta questa lista?

Ci saranno all’interno dei giovani, delle madri di famiglia e soprattutto persone che sanno cosa vuol dire lavorare, alzarsi alle 5 avendo anche bimbi da mandare a scuola e non stare all’interno di una pubblica amministrazione, lamentandosi e magari facendosi trasferire sotto casa, oppure usufruire di permessi politici pagati dai cittadini o, peggio ancora, passare le ore lavorative sui blog.

La lista quindi sarà senza connotazioni politiche?

Certamente, non vogliamo avere nessuna etichetta, politica o partitica, che specialmente in un paese è una cosa sbagliata. Le altre liste in campo, esclusa una, sono strutturate più o meno come noi.

L’unica lista che al momento ha una connotazione politica è quella di Pietro Bellina…

La lista di Bellina ha una connotazione esclusivamente politica, identificabile con il Partito Democratico e mascherata da lista civica, ma la cosa vergognosa è che in questo gruppo fanno parte persone che sono uscite dalla lista Prima il Paese poi la politica del Sindaco Mauro Valerio Pastorino e che, per loro stessa ammissione, quando erano in maggioranza hanno sempre votato in linea con il sindaco. Se come adesso dicono, Pastorino è stato una rovina per il paese queste persone non possono non essere considerate complici di detta rovina. Poi vi è un altro paio di persone che nel 2009 erano candidate in una lista dichiaratamente di centrodestra. Ora io non riesco a capire una cosa di questa strana lista… è politica? di persone? oppure è un semplice minestrone per “conquistare” Busalla? Si forse e proprio un minestrone di centro, destra, sinistra ed ex assessori della lista Pastorino, quindi complice della disfatta del paese. Un membro storico del PD di Busalla ha dato indietro la tessera, non condividendo la politica locale, penso che questo vuol dire molto.

Ci può fare qualche esempio sui personaggi in lista?

C’è un’ex consigliere di maggioranza che ultimamente sembrava diventato il paladino del Rio Migliarese, l’uomo, che girava le case dei residenti nel denunciare il pericolo del suddetto torrente ora del Migliarese non ne parla più, forse perché chi si occupa dei corsi d’acqua è proprio la Provincia di Genova ed l’Ingegner Bellina oggi suo candidato sindaco?

Alcuni critici sostengono che la lista “Busalla punto a capo” sia un’opera di Simone Franceschi, lei è dello stesso parere?

Due persone stimo all’interno della lista, uno è lo stesso ingegner Bellina, ma è stata grande la mia meraviglia per essersi fatto imporre un ruolo che forse non desiderava ma , in quanto uomo di partito, viene imposto da una manovra di Simone Franceschi, come commissario del Pd e presidente del nuovo poltronificio di valle dal nome “Unione di Comuni”, quindi ubbidisce al partito dimenticando i cittadini. Se dovessimo vincere le elezioni, oppure riuscire ad ottenere dei seggi di opposizione, ci batteremo per far uscire Busalla dall’Unione dei Comuni, io non sono contro l’Unione ma contro questa unione, che oso definire un carrozzone che porterà molti danni e pochi vantaggi. Non è possibile che una singola persona sia : presidente dell’Unione dei Comuni, sindaco di Ronco Scrivia, commissario del Partito Democratico locale e referente della città metropolitana, nell’antico Egitto si sarebbe chiamato Faraone, nel mondo moderno come vogliamo chiamarlo?

Dunque l’Unione fatta così è assolutamente sbagliata…

Si, perché appunto non è un unione di Comuni, ma di poltrone e soprattutto non è un unione dei cittadini, anzi si sono guardati bene dall’informare i cittadini .

L’amministrazione di Pastorino è stata piuttosto critica verso l’Unione, c’è quindi una posizione convergente con la vostra?

Diciamo di si, ma un grave errore, della stessa amministrazione in carica, ricordo le parole del sindaco Pastorino che ha testualmente detto “non sono d’accordo, ma firmo” e ricordo anche che quella sera i membri di Busalla Democratica, guarda caso, avevano un impegno. Se vogliamo dirla tutta il capogruppo di Busalla Democratica non risiede in quel di Busalla, ma a Ronco Scrivia, ed è molto vicino a Simone Franceschi. Ecco questa fase politica potrei definirla solo in un modo : svendita di Busalla e dei suoi cittadini

Amministrare un comune in un momento di crisi non è una cosa facile, poco da guadagnare e tanti impegni…

Certo, ma non solo, aggiungo una cosa : se venisse eletto il nostro sindaco, lui ed i consiglieri di maggioranza rinuncerebbero al 50% delle competenze spettanti, e dei rimborsi spesa, destinandoli in beneficenza. Inoltre noi siamo una lista di persone che ci mettono la faccia, senza avere alle spalle la potenza di un partito, di un amministrazione uscente o di una grande attività economica come i nostri avversari.

Lei non aveva mai fatto politica attiva prima di adesso?

No, ma in questi anni mi sono appassionato alle questioni locali, proprio perché tengo al paese dove vivo, la mia idea è che al centro non deve esserci la politica in quanto tale, ma il cittadino.

Quali sono i principali punti del programma?

Innanzi tutto l’ospedale : è necessario riavere nuovamente un punto di primo intervento, mi ricordo che il sindaco Pastorino si e battuto molto per salvarlo, ma anche qui faccio una domanda secca : da chi è nata la scelta di far chiudere l’unico ospedale dell’entroterra genovese?

La regione Liguria tramite l’assessore Claudio Montaldo?

Appunto, Montaldo ha una collocazione politica indovinate quale… ma quella del PD, e non mi risulta che i sindaci e amministratori locali di area PD abbiano mai detto nulla in merito, ubbidivano e basta,  senza tenere conto che stavano svendendo i diritti dei cittadini. Qui in valle la situazione è molto diversa rispetto ai comuni della Riviera o alla periferia di Genova, siamo assolutamente isolati.

Quindi la sanità è l’obiettivo primario…

Certamente, uno degli obiettivi, la riapertura del primo intervento, che è fondamentale, in caso di emergenza, pur avendo un ospedale in valle siamo costretti ad andare a Pontedecimo di giorno oppure a Sampierdarena di notte. Inoltre un mio desiderio sarebbe creare un servizio di “hospice”, all’interno del Frugone, per i malati terminali, in accordo con la Gigi Ghirotti. Trovo assurdo che nessuna delle liste in campo parli della questione Iplom, che è importantissima, ricordo sempre una mozione presentata da “Busalla democratica” ora Bellina ,che responsabilizzava il Comune verso la Regione, indovinate chi svuotò quella mozione? lo stesso che diventerà assessore esterno se dovesse vincere la lista Bellina, alla faccia del voto.

Quindi la lista avrà una collocazione ambientalista, proprio sulla questione della Iplom?

Più che ambientalista direi una lista dei cittadini, sull’Iplom ho una posizione abbastanza chiara, non lo vedo come un problema, è un’industria che esiste dagli anni quaranta e che da molto lavoro al paese, bisogna quindi cercare di prendere il meglio da essa, penso ad esempio ad un accordo con la stessa Iplom per il teleriscaldamento, che sarebbe un bel risparmio per i cittadini, diciamo quindi se Iplom ci da si un inquinamento ma in cambio darebbe un guadagno per i portafogli dei cittadini. Inoltre un altro grosso problema sarà la chiusura della discarica della Birra nei prossimi anni ci sarà una Tares molto molto più alta di quella attuale, ma questo non lo dice nessuno.

Infine è necessario ripensare le politiche per i giovani, con la nascita di piccole imprese cooperative per far si che si possa alleviare in parte la piaga della mancanza di lavoro, inoltre sarebbe bello creare un’area come quella di Casella, è un progetto su cui ha lavorato molto il consigliere Bellomo e che potremmo chiamare “Parco della gioventù”, il tutto con zero costi per il comune.

Una domanda secca : quale delle altre liste in campo vede come avversario più forte?

Non ho un vero e proprio timore delle liste in campo, le elezioni andranno come andranno, quello che è certo è che a nessuna di queste quattro liste importa davvero qualcosa dei cittadini. Anzi, dico di più e ci tengo che lo scriviate, se dovessimo vincere le elezioni i primi due consigli comunali si svolgeranno all’aperto, come le agorà dell’Antica Grecia, il primo davanti all’Ospedale Frugone ed il secondo in Piazza Macciò di fronte al Comune, dove i cittadini potranno intervenire direttamente. Senza avere timore di essere denunciati, perchè i veri protagonisti della politica e delle decisioni di un’amministrazione seria, debbono ritornare ad essere i cittadini

Infine una domanda un po diversa dalle altre : chi voterà alle prossime elezioni europee?

Non mi nascondo, sono un simpatizzante “grillino”, ho votato convintamente il Movimento 5 Stelle alle ultime elezioni politiche e lo rivoterò quest’anno, non perché sia un fans di Beppe Grillo ma perché, le sue battaglie sono quelle dei cittadini.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

2 commenti

  1. Ma quanta rabbia senza costrutto. Povera Italia

  2. piuttosto che votare la loista di un simpatizzate grillino mi taglio le balle

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina