Home | Rondinaria e i tre pais | La Valle Scrivia incontra il Monferrato

Evento culturale domani a Busalla

La Valle Scrivia incontra il Monferrato

1200px-Castello_della_Pietra_-_Vobbia,_Genoa,_Italy Una sorta di abbraccio tra la Valle Scrivia ed il Monferrato, quello che avverrà domani nel Comune di Busalla, grazie all’evento dal titolo “La Valle Scrivia si apre al mondo, un abbraccio con il Piemonte”.

L’evento, organizzato dal Comune di Busalla in collaborazione con le associazioni culturali “Lameladivetro” e “Solstizio d’estate Onlus”, con il patrocinio della Regione Piemonte, l’assessorato al turismo del Piemonte, la Regione Liguria e la Provincia di Cuneo e con la partecipazione della Fondazione Amon, si svolgerà domani pomeriggio alle ore 16:30 presso la Sala del Consiglio Comunale di Busalla, in Piazza Macciò 1.

Le associazioni culturali promotrici dell’evento, ovvero Lameladivetro e Solstizio d’estate, ringraziano i Comuni della Valle Scrivia e del Monferrato che hanno supportato l’iniziativa, ovvero Busalla, Montoggio Savignone, Vobbia e Valbrevenna per quanto riguarda la Valle Scrivia e Castino, Caravanzana, Cossano Belbo, Roddi e Santo Stefano Belbo per quanto riguarda il Monferrato. All’iniziativa hanno dato inoltre il loro importante contributo Roberto Costa, presidente del Parco Naturale Regionale dell’Antola, Sergio Rossi storico della gastronomia territoriale, Marco Pepe presidente della Fondazione Amon, Matteo Marino architetto e responsabile dei beni architettonici de Lameladivetro, Marcella Rossi Patrone consulente culturale de Lameladivetro, Stefania Lorusso responsabile storica de Lameladivetro, Luca Tafaria segretario generale de Lameladivetro e Tommaso Lorusso coordinatore di Solstizio d’estate Onlus.

Il tema dominante dell’incontro, come spiegano dall’assessorato alla cultura del Comune di Busalla, sono i castelli, grande patrimonio storico e artistico sia della Valle Scrivia che del Monferrato, purtroppo non ancora conosciuti e valorizzati dal turismo come gli omologhi della Valle d’Aosta, dell’Austria o della Loira, ma vere e proprie meraviglie del territorio.

L’evento, con inizio alle ore 16:30 si aprirà con i saluti istituzionali del Comune di Busalla, tramite l’assessore alla cultura del comune valligiano, Antonello Barbieri e la presentazione dell’incontro svolta da Stefania Lorusso e Luca Tafaria. Matteo Marino, architetto, presenta “La Valle Scrivia si apre al mondo”, seguito da “Il corso dello Scrivia, il corso della storia” di Marcella Rossi Patrone, Marco Pepe di Fondazione Amon presenterà “All’ombra dei castelli : quattro passi nel mistero”, seguito da “Le vie d’Aleramo” presentato da Tommaso Lorusso, concluderanno la serata “A tavola nel castello” di Sergio Rossi ed il presidente de Lameladivetro, Franco Andreoni. Al termine della serata vi sarà un buffet offerto dal Comune di Busalla.

Lameladivetro è un’associazione culturale senza scopo di lucro che opera in favore della promozione delle arti, del recupero e della tutela dei beni storici e ambientali e della salvaguardia delle tradizioni popolari. Lo scopo di Lameladivetro è quello di abbracciare il mondo, creando dei gemellaggi culturali, oltrepassando le frontiere, contribuendo a costruire una fraternità in nome dell’arte, della conoscenza e del rispetto reciproco.

Solstizio d’estate nasce nel 2000, con la festa delle radici svizzere delle Langhe, è un associazione culturale che si occupa della difesa del territorio e dell’incontro dei popoli con la Madre Terra, per continuare a vivere. Il concorso “Bosco Stregato”, organizzato da Solstizio d’estate ogni anno, è un evento letterario dedicato alle favole, alla mitologia ed alla magia, a cui tutti i popoli hanno dedicato numerose fiabe e racconti.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina