Home | Magazine | ACOS: Il Movimento Cinquestelle Novi è CONTRARIO alla privatizzazione

La posizione dei pentastellati sulla vicenda della gestione del bene pubblico

ACOS: Il Movimento Cinquestelle Novi è CONTRARIO alla privatizzazione

Riceviamo e pubblichiamo.

Una comunicazione poco chiara pubblicata su un quotidiano locale, ci impone, per fare chiarezza, di
anticipare una parte del nostro programma per la Città di Novi Ligure;

programma che abbiamo ferma intenzione di realizzare se i cittadini ci daranno il loro consenso col voto.

In particolare, per quanto riguarda ACOS, il Movimento Cinquestelle Novi Ligure e il suo portavoce candidato Sindaco  rendono noto che:

 

  • il M5S Novi Ligure è contrario ad ogni forma di privatizzazione dei servizi pubblici, con particolare riferimento all’acqua, un bene comune non privatizzabile, come deciso dalla stragrande maggioranza degli italiani in un recente referendum.
  • Si ritiene indispensabile riportare il controllo delle aziende partecipate, a partire da ACOS, nelle mani dell’Amministrazione Comunale, e dei Cittadini che di quelle aziende sono i legittimi proprietari.
  • Si rititiene altresì indispensabile una revisione delle modalità di gestione delle Aziende partecipate, a partire da ACOS, con rigorosi controlli amministrativi sull’operato passato per una corretta e razionale programmazione del futuro tesa a migliorare i servizi ai cittadini e a ridurre le tariffe dei servizi medesimi.
  • Per ogni eventuale cessione di proprietà pubbliche un’eventuale Amministrazione Comunale a cinque stelle dovrà chiedere espressamente il parere vincolante dei cittadini, mediante il voto elettorale o con specifico referendum consultivo.
  • In ultimo: si diffidano gli amministratori uscenti della Città dal prendere qualsiasi tardiva decisione di privatizzazione che possa mettere i futuri amministratori di fronte a fatti compiuti.

 

 

Redazione
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina