Home | Novi Ligure e il Novese | “La legge Merlin ha fatto il suo tempo”

I Giovani leghisti di Novi e le proposte per ripensare il mercato del piacere

“La legge Merlin ha fatto il suo tempo”

image Merlin

 

 

Riceviamo e pubblichiamo

 

 

Nella serata di sabato 26 il movimento giovani padani di Novi ligure allestirà un banchetto nel centro storico, cuore di quel che resta della “movida”novese.

 

Il tema lanciato sarà quello della raccolta firme per l’abolizione della legge Merlin, per regolamentare e tassare la prostituzione.

 

” L’iniziativa è già stata ripresa da altri gruppi della Lombardia e del Veneto. – dichiara Giacomo Perocchio, capolista della Lega Nord per le prossime amministrative- Il tema, lanciato a livello nazionale dal nostro segretario Matteo Salvini sta facendo presa sull’opinione pubblica e anche sui giornali locali se ne sta parlando. Raccoglieremo le firme per dire NO alla legge Merlin e distribuiremo ai ragazzi un gadget “speciale” targato giovani padani: preservativi, sia perché collegati chiaramente al tema del banchetto sia per sensibilizzare i ragazzi nei confronti dei rischi dei rapporti non protetti.”

 

Il coordinatore locale dei giovani padani Lorenzo Mascherini: “Mantenere la legge Merlin significa sostenere la tratta e lo sfruttamento della prostituzione, la criminalità organizzata e il degrado pubblico. Abrogarla, rendere legale e tassare tale attività vuol dire invece maggior tutela della salute pubblica e circa 4 miliardi di euro l’anno. Quattro miliardi. Rendiamoci conto di che somma stiamo parlando, è all’incirca il valore dell’IMU sulla prima casa. Io sinceramente preferisco uno Stato che tassa le prostitute e rende le strade più sicure rispetto ad uno Stato che sa tassare solo i cittadini. In Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, Austria, e Svizzera ci sono già arrivati, spero che anche da noi si possa dire basta alle solite ipocrisie morali e cancellare questa vergogna. Tutti a firmare!”

 

Redazione
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina