Home | Entroterra Genovese | Unicef : una nuova sede a Busalla

L'inaugurazione ufficiale martedì 29 aprile

Unicef : una nuova sede a Busalla

Unicef_old_logo L’UNICEF (United Nations International Children’s Emergency Fund), l’agenzia istituita dalle Nazioni Unite nel lontano 1946 e che, da allora, si occupa dell’assistenza umanitaria per i bambini vittime di guerre e carestie, insignita anche del Premio Nobel per la pace nel 1965, aprirà una sede ufficiale in Valle Scrivia, a Busalla, martedì 29 aprile.

La nuova sede sarà nella frazione di Sarissola, in Via delle Viazze 1, presso l’ex Centro Provinciale di Formazione Professionale “Giovanni Brodolini”, di fronte al Parco Commerciale “Le Piane”, all’inaugurazione interverranno il presidente provinciale Unicef Genova, Franco Cirio ed il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Busalla, Antonino Nicosia. L’Unicef provinciale ringrazia inoltre il Comune di Busalla e l’Associazione Sportiva Dilettantistica “Gian Massarino”. La partecipazione all’evento è libera ed aperta alla cittadinanza.

Il presidente provinciale Unicef Genova, ha detto che quella che si inaugurerà martedì a Busalla è la quarantacinquesima sede permanente dell’Unicef sul territorio della Provincia di Genova ed ha spiegato che, mantenendo la filosofia delle spese zero, i volontari dell’Unicef di Busalla utilizzeranno una struttura messa a disposizione dal Comune a titolo di comodato gratuito. Quello di Busalla è il terzo punto Unicef ufficiale nell’entroterra genovese, oltre ai numerosi punti presso le biblioteche comunali, che si unisce a quelli già presenti a Ronco Scrivia (presso Lavanderia Maura) ed a Davagna (Gli Amici di Scoffera).

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina