Home | Magazine | A spasso nella Storia nel giro di pochi metri

L’inattesa piega degli eventi per le piazze e le strade di Novi Ligure

A spasso nella Storia nel giro di pochi metri

La stireria abissina

La stireria abissina

       Quanti scrittori, scienziati o persone comuni hanno sognato di viaggiare nel tempo.

A Novi Ligure si può fare solo percorrendo pochi passi. Bisogna prima recarsi presso la piazzettina intitolata al capitano medico Antonio Demicheli, caduto ad Adua nel 1896 e poi fare qualche altro passo in direzione della Biblioteca Civica per scoprire un negozio recante la scritta “Stireria Abissina”. Davvero un caso del destino nella quale la Storia si intreccia in modo così curioso. Il capitano Demicheli è stato uno dei 7000 caduti del contingente italiano capitanato  dal tenente generale Oreste Barattieri che vennero sconfitti dalle truppe del negus Menelik.  Si tratta di una della peggiore disfatta di una “Grande” Potenza europea contro una Nazione africana. La sconfitta di Adua ha fatto davvero epoca.

La targa di Piazzetta De Micheli

La targa di Piazza De Micheli

 

Non si possono capire le rivendicazioni imperialistiche  di Mussolini sul “farla pagare al Negus” senza ricordare quest’episodio. Ma i tempi passano, le foglie cadono e la sabbia ricopre le orme degli uomini. Ed ecco che vicino ad uno degli italiani morti in quella battaglia (le perdite dalla parte opposta furono altrettante se non superiori) apre un negozio gestito da una signora che viene dall’Etiopia. Infatti l’attuale Etiopia era stata chiamata Abissinia in Italia per assonanza con il sudarabico Habasciat., il nome di una importante tribù locale (nome mai amato dagli Etiopi che l’hanno sempre riferito agli invasori italiani) . Quindi ipotetici “vinti” e fantomatici “vincitori” si trovano adesso uno di fronte all’altro. Nessuno pare accorgersi di questa “singolar tenzone” nella fretta di tutti i giorni, tra macchine che sfrecciano e passanti occupati a pensare ad altro. Il vero insegnamento di questa piccola (grande) storia è che solo con il tempo si possono superare le più o meno grandi tragedie che hanno segnato la vicenda degli Uomini sulla Terra. Ma ci dice anche che questo procedimento non è impossibile, si può fare. Ed ecco che andare a ritirare un paio di panni stirati può significare fare i conti con la propria Storia, andandoci a spasso! 

Mattia Nesto
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina