Home | Entroterra Genovese | Pinotti a Busalla : il comunicato del Partito Democratico

La risposta del Coordinamento PD Genova

Pinotti a Busalla : il comunicato del Partito Democratico

pd genova In riferimento all’articolo apparso su Inchiostro Fresco on-line in data 7 maggio u.s., dal titolo “Ministro Pinotti a Busalla: scoppia la polemica”, il Partito Democratico – Coordinamento Territoriale di Genova ha ritenuto opportuno emettere il seguente comunicato:

“Spiace rilevare come a Busalla, la campagna elettorale, anziché interessarsi ai temi di interesse dei cittadini, inerenti i programmi e le proposte da sottoporre alla loro attenzione, tenda sempre più ad assumere un carattere di delegittimazione degli avversari, arrivando a mistificare e alterare il significato della legge, contro le persone stesse.

La partecipazione della Senatrice Roberta Pinotti, eletta in Liguria nelle liste del Partito Democratico, attualmente incaricata del Dicastero della Difesa, all’iniziativa elettorale del Circolo PD di Busalla e Crocefieschi, nulla ha a che vedere con l’incarico istituzionale ricoperto dalla stessa, ma si inserisce all’interno delle iniziative che il PD sta portando avanti per il sostegno della campagna elettorale per le europee e dei candidati sostenuti dal PD alle elezioni comunali. La Senatrice Pinotti, a Genova nella giornata del 8 maggio, sarà pertanto impegnata, quale iscritta del Partito Democratico, a Busalla e a Casarza Ligure, per partecipare in quella giornata a due distinte iniziative elettorali promosse dal Partito sul territorio.

Circa al presunto ricorso presentato ai sensi dell’art.60 del Decreto Legislativo 267/2000, rimettendo agli organi preposti le valutazioni del caso, spiace rilevare come le eventuali osservazioni poste dal ricorrente non tengano conto di come previsioni normative richiamate, non appaiano applicabili alla persona dell’Ing. Pietro Bellina, in quanto dipendente dell’Amministrazione Provinciale di Genova, che non svolge sul Comune di Busalla alcuna azione di controllo diretto sulla gestione dell’Ente, essendo la stessa ai sensi dell’art. 114 del Costituzione, un ente locale equiparato al Comune e non un organo di controllo, come testualmente previsto dal citato art.114 : “ I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i princìpi fissati dalla Costituzione.”

Auspichiamo pertanto, per il futuro, che la campagna elettorale possa proseguire su un campo di confronto più adeguato per il territorio e i cittadini, dove la valutazione dell’opportunità e dell’inopportunità non costituisca un banale pretesto di strumentale di delegittimazione, al quale peraltro gli organi di informazione non si dovrebbero prestare, bensì una regola che garantisca tutti i candidati ad un momento importante di partecipazione per le Comunità, come il rinnovo dei Consigli Comunali e le elezioni dei
Sindaci.

Il Partito Democratico ha sempre caratterizzato, ed intende continuare a caratterizzare, il suo impegno per il territorio con l’obiettivo di promuovere un’iniziativa politica sulla base di un confronto con i cittadini, sulle sue proposte e le sue idee, senza aver intenzione di subire ulteriori attacchi gratuiti od insegnamenti, per se e per i suoi iscritti, soprattutto da chi per presentarsi agli elettori, nel tentativo di recuperare qualche voto, si appropria degli slogan già utilizzati dal Partito Democratico, o ancor peggio, ha la necessità di strumentalizzare sia i valori della Resistenza o gli incarichi istituzionali ricoperti, per ottenere visibilità ed attenzione.”

Redazione
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

2 commenti

  1. Lettera che ha concretizzato il reato. Mario Pizzorno 1512 2014

    Ronco Scrivia 06 febbraio 2014  

    Al Sindaco del Comune di Ronco Scrivia ( Ge) signor Simone Franceschi.
    e.p.c. Al Prefetto di Genova dott. Giovanni Balsamo
    e.p.c. Al Difensore Civico regionale dott. Francesco Lalla
    Oggetto: Diffida ad adempiere ex art. 328 c.p. comma 2
    Il  sottoscritto Mario Teodoro Pizzorno, nato a Genova l’11 dicembre 1955 e residente a Ronco Scrivia in Corso Italia 36, chiedo al sindaco Simone Franceschi di rispondere a questa lettera.
    Premesso che in data 14 luglio 2010 le inviai una mia e-mail, al suo indirizzo di posta elettronica ( HYPERLINK “mailto:sindaco@comune.roncoscrivia.ge.it” \t “_blank” sindaco@comune.roncoscrivia.ge.it ), con oggetto “ Richiesta aperta al mio sindaco Simone Franceschi”,  nella quale lettera e-mail ( che le allegherò via e-mail Pec), la invitavo a concederci un wc, dato che nel negozio dove forzatamente dimoravamo io e mia moglie a causa dello sfratto, non vi era un gabinetto, un luogo idoneo ( come si evince anche dalla Interrogazione Parlamentare n 4-08094 del 02 agosto 2012 ) per poter espletare i nostri bisogni fisiologici giornalieri in modo dignitoso e non rischioso per la nostra salute.  
    A distanza di anni,  non  ho  avuto nessuna risposta scritta in relazione alla suddetta richiesta;tanto premesso e riportato, ai sensi e per gli effetti dell’art. 328 del codice penale, la diffido ad evitare di rispondere ancora una volta e la invito a compiere l’atto del suo ufficio e cioè, a rispondere a questa missiva e ad esporre le ragioni per non aver risposto nei 30 giorni prestabiliti dalla Legge nonché, alle motivazioni che le hanno impedito di concedere, facilitare, questo imprescindibile diritto umano!
    Se non avrò una precisa risposta nel termine di trenta giorni, essendo
    Lei il legale rappresentante dell’Ente comunale preposto,
    procederò a denunciarla ex art. 328 c.p. ed a costituirmi parte civile.
    Mi rivolgerò inoltre ad ogni altra Autorità preposta al, etc, etc, etc…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

  2. Leggete qui http://www.ilpopolosovrano.it , tutte le 8 pagine più la Home, io ogni tanto, lentamente, aggiornerò!

    Saluti.

    Mario Teodoro Pizzorno.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina