Home | Entroterra Genovese | Lo sciroppo di rose entra in Slow Food

Importante riconoscimento per la Valle Scrivia

Lo sciroppo di rose entra in Slow Food

sciroppo.rose-800 Importantissimo riconoscimento per la Valle Scrivia e per il suo prodotto agroalimentare di spicco : lo sciroppo di rose, da oggi, è entrato a far parte ufficialmente dei presidi Slow Food italiani.

La celebrazione dell’evento è avvenuta questa mattina, nella sala riunioni della sede del GAL Appennino Genovese, all’interno del Palazzo Ducale di Genova, alla presenza della presidente del GAL Genovese Marisa Bacigalupo, della presidente dell’ “Associazione Le Rose della Valle Scrivia” Viviane Crosa De Vergagni, dei responsabili di Slow Food Genova Stefano Angelini e Candida Grosso e dell’assessore del Comune di Busalla Antonello Barbieri, che da tempo sta curando, dalla parte istituzionale, l’ingresso dello sciroppo di rose in Slow Food.

La presidente del GAL, Marisa Bacigalupo, ha introdotto la presentazione spiegando che “la Valle Scrivia è un territorio importante, sia per le sue dimensioni che per la complessità e le grandi diversità delle diverse zone che la compongono, e di come vi sono state negli ultimi anni molte iniziative che stanno valorizzando questa valle. Il lavoro fatto per lo sciroppo di rose, con l’entrata ufficiale nel presidio Slow Food” ha detto la presidente Bacigalupo “è una delle iniziative che sta contribuendo ad un rilancio, anche in chiave turistica della Valle Scrivia”.

Antonello Barbieri, assessore del Comune di Busalla, ha ricordato di come “la Valle Scrivia, diventando la terza unione di Comuni in Liguria,  si è operata, grazie anche a quest’ultimo evento dell’amministrazione che sta per terminare, per dare allo sciroppo di rose, eccellenza assoluta della Valle, lo spazio che merita, finalmente riuscendoci come dimostrato dall’ingresso nei presidi Slow Food. Questa, ha ribadito Barbieri, è un occasione importante per tutta la Valle Scrivia e non solo e porterà visibilità ben oltre i confini della Liguria, attirando quel tipo di turismo che segue i prodotti biologici e DOP”. “Inoltre” ha ricordato Barbieri, “la prima domenica d’agosto di quest’anno vi sarà l’evento “La rosa in riva al mare”, nel comune di Deiva Marina, paese dello spezzino che, negli ultimi anni, oltre al tradizionale turismo dei villeggianti provenienti da Lombardia ed Emilia, sta conquistando sempre di più francesi ed inglesi, con questo evento la Valle Scrivia si farà conoscere anche in Riviera”.

Stefano Angelini e Candida Grosso, rappresentanti di Slow Food Genova, hanno parlato del recentissimo congresso nazionale di Slow Food, che ha visto un profondo rinnovamento interno, con l’elezione del nuovo presidente Nino Pascale che sta porterà avanti il grandissimo lavoro svolto da Carlo Petrini. Slow Food, hanno spiegato i due rappresentanti, sta riuscendo ottimamente nel suo scopo di valorizzare le realtà agroalimentari che, per colpa del boom dei prodotti industriali avvenuto tra gli anni ’60 e gli anni ’80, hanno rischiato seriamente di scomparire. Con l’ingresso dello sciroppo di rose della Valle Scrivia sono ben quattordici i presidi liguri di Slow Food, che coprono ormai l’intero territorio regionale.

Viviane Crosa Di Vergagni, presidente dell’Associazione “Le Rose della Valle Scrivia”, ha ricordato di come” i produttori associati stanno aspettando con grande piacere l’evento del 15 maggio a Busalla, e che l’associazione è ovviamente felicissima dell’ingresso dello sciroppo di rose all’interno del presidio Slow Food”. “Lo sciroppo” ha proseguito Viviane Crosa Di Vergagni “segue l’andamento climatico, quest’anno grazie alle forti piogge invernali, la fioritura è ormai giunta al suo massimo, a differenza dell’anno scorso, quando la raccolta delle rose fu fatta appena cinque giorni prima della festa”. La presidente dell’Associazione ha ricordato inoltre che sono in piedi due progetti, uno, promosso dall’Ente Parco Antola, che vedrà la Valle Scrivia protagonista all’Expò di Milano del 2015, con un ambizioso progetto dal nome “Da Milano a Portofino” ed un secondo volto a valorizzare gli splendidi giardini e roseti nascosti della Valle, angoli di paradiso che meritano di essere conosciuti.

Galleria fotografica della giornata (foto di Fabio Mazzari, riproduzione riservata)

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina