Home | Appennino | Finanziamento regionale per Villa Serra di Sant’Olcese

La splendida villa ottocentesca di Comago

Finanziamento regionale per Villa Serra di Sant’Olcese

villa serra Villa Serra di Comago, lo splendido edificio fatto costruire a metà dell’Ottocento dal marchese Orso Serra, che dal 1992 è diventato un Parco Comunale dopo un restauro completo e laborioso, che ha riportato la villa ed il parco all’inglese agli antichi splendori, sarà tra i beneficiari del fondo di tre milioni di Euro, stanziato dalla Regione Liguria, per la manutenzione ed il restauro dei siti del patrimonio culturale e naturale del territorio.

Il finanziamento, stanziato nella giornata di ieri dal Consiglio Regionale della Liguria, su proposta dell’assessore allo sviluppo economico, Renzo Guccinelli, assegna circa tre milioni di euro per diciannove proposte di lotti, il Parco di Villa Serra riceverà dalla regione la somma di 225 mila euro. Il finanziamento fa parte delle risorse rimanenti del “Por Fesr 2007-2013”, avviato a partire dal 2009, che ha visto ad oggi finanziati undici progetti integrati tematici, proposti sia dalle quattro Provincie che da novantatré comuni e singoli enti, per la valorizzazione e la promozione del patrimonio storico-culturale attualmente sottoutilizzato al fine di un suo rilancio in chiave turistica.

Villa Serra di Comago, costruita nel 1851 dal Marchese Orso Serra, in stile neogotico, ispirato dagli edifici britannici dell’epoca dei Tudor, con il suo parco all’inglese, nel 1938 alla scomparsa dell’ultima discendente di Orso Serra, diventò proprietà di un ente religioso, l’edificio ed il parco subirono gravi danni durante l’alluvione del settembre 1970, nel 1982 dopo un decennio di abbandono la villa ed il circostante parco furono acquistati dai Comuni di Sant’Olcese, Genova e Serra Riccò, che costituirono il “Consorzio per Villa Serra”, che hanno portato al restauro ed alla riapertura, come parco comunale, avvenuta nel 1992. Da allora Villa Serra è sede di importanti eventi, come raduni di automobili d’epoca, gare di tiro con l’arco, esposizioni cinofile, concerti musicali e molto altro ancora.

 

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina