Home | Urbe e il suo circondario | Urbe : Fabrizio Antoci si presenta ai suoi concittadini

Il saluto e gli obiettivi programmatici del nuovo sindaco

Urbe : Fabrizio Antoci si presenta ai suoi concittadini

foto Il nuovo sindaco di Urbe, Fabrizio Antoci, eletto con la lista “Urbe Riparte” si presenta ai suoi concittadini con questa lettera di ringraziamento e traccia gli obiettivi programmatici per il quinquennio amministrativo. Nel prossimo numero cartaceo de L’Inchiostro Fresco ospiteremo un’intervista al primo cittadino:

Carissimi concittadini,

vorrei innanzitutto ringraziarVi per il voto espresso che, a dispetto dell’esigua differenza, riveste un significato grandissimo. La vittoria della nostra lista segna una svolta storica per il Comune di Urbe. poiché tutta la maggioranza risulta rinnovata e composta da volti nuovi che nulla hanno da condividere con gli ultimi controversi 25 anni di gestione amministrativa.

Con questo voto si esprime la volontà di cambiamento per ripartire con nuovo slancio e nuovo entusiasmo. Garantiamo tutto il nostro impegno per non deludere le grandi aspettative che ripongono in noi coloro che ci hanno votato e, nel contempo, per convincere chi non ci ha scelto della bontà dei nostri intenti. Vogliamo far ripartire Urbe, ripartendo da un comune efficiente ed ordinato per giungere ad una rinascita turistica ed economica che possa garantire un futuro alla nostra tenace comunità e al nostro meraviglioso territorio.

Siamo una squadra composta tutta da volti nuovi, giovani ma con competenze, senza colori politici.

Come sindaco manterrò le deleghe al Bilancio, al Personale, alla Sanità e ai Servizi Sociali.

Mario Piccione, informatico sarà il Vice Sindaco con deleghe al Turismo, allo Sport e alla Politiche Giovanili. Ruggero Dameri geologo, sarà l’Assessore ai Lavori Pubblici.

Ma anche i consiglieri avranno i loro compiti specifici: Maurizio Pizzocaro architetto, coadiuverà l’Assessore ai Lavori Pubblici per quanto riguarda l’Urbanistica ma sarà, con Nicholas Bongiorni, anche delegato agli spettacoli e alle manifestazioni. Elena Minetto si occuperà di Attività economiche, Marcellino Zunino sarà il riferimento per cacciatori, pescatori e volontari del soccorso.

Giancarlo Siri sarà “l’occhio del sindaco” sul territorio.

Ripartiamo dal nostro territorio e dalla nostra comunità, puntando innanzitutto sul turismo sportivo nella natura, dall’escursionismo. Dobbiamo allargare il periodo turistico, accogliendo bambini e squadre giovanili in ritiro a giugno e a settembre.

Per incrementare il turismo venatorio: proveremo a creare – d’intesa con i cacciatori locali e con le Federazioni – una zona per l’addestramento dei cani da caccia. L’Assessore Regionale all’Ambiente si è già dimostrata molto interessata a questo nostro progetto.

Ma dobbiamo prepararci seriamente e con poca spesa, proponendo l’immagine di un comune pulito e decoroso e sistemando poco alla volta il territorio partendo dalla pulizia dei sentieri.

Naturalmente questi programmi saranno operativi a partire dalla prossima stagione ma, già da questo scorcio di 2014, proveremo a battere qualche colpo che cominci a richiamare l’attenzione dei turisti su Urbe.

Dobbiamo puntare sulle energie alternative, ma siamo fermamente contrari ad avventure inquinanti come quelle della centrale a biomasse o peggio ancora della cava di rutilo.

Le nostre emergenze sono il sistema di depurazione delle acque, la raccolta dei rifiuti, in particolare quella della differenziata e degli ingombranti.

La situazione che abbiamo ereditato è molto complicata, anche perché l’amministrazione uscente ha azzerato completamente l’avanzo di bilancio e ci ha lasciato debiti e sospesi che sono in corso di valutazione.

A maggior ragione dobbiamo ripartire dal taglio delle spese, diminuendo gli sprechi energetici, riducendo il costo delle manutenzioni affidate all’esterno: ci vuole più concorrenza nell’affido dei lavori e molti interventi ce li possiamo fare in casa.

Abbiamo una popolazione anziana, a cui dobbiamo garantire servizi efficienti, dalla sanità, ai trasporti, allo sgombero della neve, ma puntiamo anche a trattenere i giovani.

Ci siamo posti un obiettivo: una nuova famiglia all’anno con figli che trovi lavoro e si fermi qui da noi. E per questo dobbiamo fare ogni sforzo affinché la scuola ad Urbe rimanga aperta per tutti gli ordini , dall’asilo alle medie.

La nostra è una piccola scuola ma funziona benissimo: ieri abbiamo assistito alla recita di fine anno – riuscitissima – ed è stata l’occasione per ricordare che sia la Direzione didattica provinciale, sia i funzionari dell’agenzia ministeriale per la Didattica, a seguito delle loro ispezioni, hanno fatto alla Dirigente e in particolare al corpo insegnante di Urbe grandi complimenti per i risultati raggiunti anche con l’ausilio delle nuove tecnologie.

Questo è l’esempio – come per le nostre valenti sezioni della Croce Rossa e della Protezione Civile, che Urbe, quando fa squadra, vince.

Dobbiamo valutare lucidamente ma senza perdere troppo tempo se perseguire la strada del convenzionamento delle funzioni fondamentali oppure aderire ad una unione di comuni, tenendo conto di due fattori: le convenzioni ad oggi stipulate dall’amministrazione uscente sono tutte onerose per il comune anziché portare uno sgravio al bilancio comunale e, nel contempo, per agganciare i contributi del Piano regionale per gli entroterra 2014/2020, si dovrà obbligatoriamente aderire ad una unione di comuni. E ricordiamoci che questo piano è fondamentale per provare un rilancio di Urbe.

Ci stiamo infine muovendo per riallacciare contatti a 360 gradi con i comuni del comprensorio e con gli enti territoriali, province e Regione, per rompere quell’isolamento che tanti danni ha cagionato al nostro territorio.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina