Home | Magazine | “Fiori della Madre” di Andrea Silletti

Un viaggio alla riscoperta delle nostre radici

“Fiori della Madre” di Andrea Silletti

andrea silletti Si intitola “Fiori della Madre”, l’ebook scritto dal giovane genovese Andrea Silletti, 27 anni, da 14 appassionato e studioso di tutto ciò che riguarda la religione naturale, lo sciamanesimo e le antiche popolazioni native dell’Europa e delle Americhe.

Il titolo appropriato, che Andrea ha ottenuto con la sua iniziazione allo sciamanismo, è “Uomo di Medicina”. Da queste esperienze ha concepito l’idea del libro: «gli sciamani sono persone chiamate da Dio attraverso accadimenti come la malattia, la visione, il sogno» spiega Andrea «a fare determinate cose in servizio della comunità e della terra. Durante una cerimonia, nel cielo mi è apparsa la figura di una bambina che offriva un mazzo di fiori alla Grande Madre Cosmica».

 Quando è avvenuta questa esperienza?

Il giorno preciso è stato l’11 luglio del 2008, a Castellaneta, una località della Puglia. L’immagine della Madre Divina era la raffigurazione dell’intero Universo e, sebbene la sua immensità la rendesse spaventevole, Lei sorrideva: da li ho capito che la Madre Terra, la Vita, è arrabbiata con noi per quello che le abbiamo fatto e che per passare gli anni che ci aspettano dovremo pregare moltissimo. I fiori rappresentano le preghiere che dobbiamo offrire dal nostro cuore.

 Dal 2008 ad oggi in effetti sono avvenuti moltissimi cambiamenti a livello mondiale, la maggior parte di essi davvero inaspettati, potrebbero essere un segno?

Assolutamente si. La visione che ho ricevuto fa parte del mistero del 2012, quando è iniziata la fase di transizione che stiamo vivendo e che ci condurrà in un nuovo mondo, se ricorderemo l’origine divina della nostra anima e della natura. A riprova della mia visione, e grazie all’aiuto della sacerdotessa che mi ha iniziato, ho trovato una immagine Maya che raffigura la Madre nell’atto di ricevere i fiori, e tale figura appare anche nei miti degli Aborigeni australiani sino ad arrivare alla raffigurazione dell’apparizione di Lourdes.

 Quindi il messaggio è quello di pregare, in qualunque modo si creda, per affrontare questo periodo particolare che stiamo vivendo…

La preghiera è la cosa più potente che abbiamo, perché non c’è preghiera che, se fatta dal cuore, non venga ascoltata. Gli anni dal 2012 al 2017 sono, secondo le profezie, anni di transizione: i fiori alla Madre Cosmica sono le preghiere da offrire per entrare in contatto con la verità universale e co-creare una realtà di pace. Noi siamo indigeni del mondo, ma abbiamo dimenticato chi siamo, che apparteniamo alla terra e che dobbiamo rispettarla. In questi anni la terra cambierà e saremo noi a decidere il suo e il nostro destino.

 Spiegaci meglio…

Abbiamo due strade : quella del materialismo, della rabbia e dell’arroganza oppure quella spirituale del rispetto, dell’amore e dell’armonia. Se sceglieremo la prima strada, dal 2017 in poi andremo incontro ad anni drammatici, se invece sceglieremo la seconda avremo anni sereni e, per il momento, ci stiamo muovendo nel senso giusto.

 Nel tuo libro si fa riferimento anche al cuore umano…

Esattamente. Dobbiamo ricordarci che il cuore umano ed il campo elettromagnetico terrestre hanno la stessa frequenza, e ciò non è una cosa casuale. Tutto ciò che l’essere umano sperimenta condiziona il pianeta, in senso fisico, sociale ed ambientale.

 Per concludere quali sono i temi portanti del tuo libro “I fiori della Madre”?

Ci sono quattro temi che affronto nel mio libro. Il primo è la Madre Terra e le vie della preghiera, il secondo sono i lasciti che i popoli indigeni hanno tramandato delle umanità precedenti, come l’Atlantide, il terzo riguarda le storie circa le nostre origini in una più grande famiglia delle stelle, ovvero Sirio e le Pleiadi; infine concludo con le profezie e il potere della preghiera.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina