Home | Appennino | Sanità : appello di Antonio Bigotti a Claudio Burlando

Il sindaco di Savignone si rivolge direttamente al presidente della Regione

Sanità : appello di Antonio Bigotti a Claudio Burlando

antonio-bigotti Un appello originale ma sicuramente efficace, quello del Sindaco di Savignone, Antonio Bigotti, che alla popolare trasmissione dell’emittente televisiva Primocanale “Liguria Ancheu” del popolare giornalista Gilberto Volpara (tra l’altro di Mignanego), trasmissione veramente unica nel suo genere, visto che si tratta di una sorta di talk show svolto tutto in dialetto.

Proprio in una di queste puntate, che vedeva ospite d’onore nientemeno che il presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, è arrivata la telefonata in diretta di Antonio Bigotti, sindaco di Savignone, in Valle Scrivia, vicino al Partito Democratico ma su posizioni molto autonome e rieletto a furor di popolo all’ultimo turno amministrativo di maggio con quasi l’84% dei voti.

Il primo cittadino dell’importante comune valligiano si è rivolto in dialetto ligure al Governatore regionale, spiegando che da un lato apprezza moltissimo il fatto che Burlando sia sempre presente di persona anche nei piccoli e nei piccolissimi centri, ma che bisogna fare qualcosa, perché è impensabile che una Valle che si trova soli trenta chilometri da Genova ma ha un grave problema della sanità. Le critiche maggiori di Bigotti vanno al “baffo” ovvero l’Assessore regionale alla sanità Claudio Montaldo, che nonostante i sindaci abbiano firmato un documento comune, mette sempre il bastone tra le ruote.

Il presidente della Regione Burlando, ha risposto, sempre in dialetto ligure, al sindaco Bigotti, che l’Ospedale Frugone di Busalla non può essere lasciato inutilizzato così com’è attualmente, occorre dargli una destinazione o di tipo sociale o di tipo sanitario.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina