Home | Appennino | Cavalcando sotto la pioggia

A Novi Ligure sotto un rovescio rinasce l'epoca delle "Vie del Sale"

Cavalcando sotto la pioggia

Clop-clop-cloppete-cloppete-clop-clop questo il rumore che ci ha attratto mentre io che vi scrivo, al secolo Mattia Nesto, attualmente schiavo presso l’inchiostro fresco, e Gian Battista Cassulo, meglio noto come “Er Carogna”,  mio Presidentissimo e attualmente mio schiavista, ci stavamo dirigendo presso la nostra solita bettola per trangugiare un tozzo di pane e un bicchiere di latte (questo è quello che passa non dal convento, ma sul nostro desco): abbiamo visto quattro cavalli, due cani (non noi!!!), due bipedi, un maschio e una femmina,  in sella. Tutti rigorosamente con le mantelle perché l’acqua scendeva dal cielo a catinelle. Erano due francesi di Bretagna (quelli a cavallo) che per un attimo hanno fatto rivivere a Novi Ligure i tempi e le atmosfere ottocentesche di quando dai paesi del suo circondario gli “agricoli” scendevano con le loro bestie per la Fiera di Santa Caterina. Mentre l’acqua torrenziale, scendeva sul mio volto, bagnandomi i capelli, la maglietta (e mi fermo qui per dignità), con gli occhiali senza tergicristalli e per di più incalzato da Er Carogna che mi diceva “Fotografa qui, fotografa là, fai così, fai colà” vi accludo, eroicamente, le foto dell’incontro.

Da noi intervistati (il ragazzo e la ragazza) per avere la loro mail e rimanere in contatto, ci hanno detto:

Noi siamo rimasti all’epoca dei cavalli, ci muoviamo con loro, dormiamo con loro, comunichiamo con i segnali di fumo e per tetto abbiamo le stelle e per giaciglio i sentieri del mondo.

Se volete comunque potreste scriverci all’Hotel Platza di Parigi , vi risponderà mio papà

10608199_1493048654266821_3814091129399542954_o

Felici della conoscenza trasmettiamo a tutti queste impressioni.

Ma ecco la mia vendetta. Sono riuscito a cogliere "l'attimo fuggente" durante il quale il mio direttore tentava di tornarsene nella sua magione

Ma ecco la mia vendetta. Sono riuscito a cogliere “l’attimo fuggente” durante il quale il mio direttore tentava di tornarsene nella sua magione

Il nostro direttore GB ai tempi in cui cavalcava i cavalli e...era più umano!!!

Il nostro direttore GB ai tempi in cui cavalcava  e…era più umano!!! Poi gli è venuta la fregola di fare il giornalista e si è rovinato!!!!

 

Mattia Nesto
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina