Home | Appennino | Quando l’acqua diventa uno status symbol

La moda dell'"ice bucket" vista da Gian Battista Cassulo

Quando l’acqua diventa uno status symbol

Quando ero a militare ed ero un Sergente di ferro, i soldati, per ammorbidirmi, mi prendevano a secchiellate ( i gavettoni) in testa, ma io ero impermeabile ad ogni tipo di acqua, anche a quella non tanto “igienica”. Tanto è vero che gli artiglieri (perché ero in Artiglieria da campagna) della Caserma Pasquali di me dicevano: “Cassulo si bagna, ma non si pezza” e devo dire che, nonostante tutto, anche se l’organizzazione gerarchica dell’Esercito non faceva nulla per aiutare noi tapini Comandanti di Squadra di Complemento, riuscivo a mantenere la disciplina, sia pure non da Accademia.

 

Adesso che siamo diventati più intelligenti i “gavettoni” si chiamano “ice bucket” e sono diventati il tormentone estivo per far su soldi a favore del SLA.

 

L’impegno è nobile ma la carrellata dei divi che si fa immortalare sotto le “cascate acquifere”, con la faccia truce di chi sta affrontando torme di integralisti di una qualsiasi religione, a dire la verità sta un po’ stufando, se non ridere, come  quando il nostro premier (adesso si chiama così il Presidente del Consiglio) Matteo Renzi si è secchiellato tra gli “ohhh, ohhh….” di tutto quell’apparato giornal-televisivo che nel suo DNA continua a coltivare il culto della personalità che il fascismo, nel regalargli l’Ordine, gli ha lasciato in pegno e in eredità!!!!!

 

Ma siccome anche noi siamo un, sia pur piccolo, giornale, per omologarci all’andazzo generale (di questi tempi per vivere tranquilli bisogna dire sempre di e tacere perché “il nemico ci ascolta”), abbiamo pensato bene di annaffiare( un qualcosa di distinguo ci vuole, perbacco!!!!) il nostro capo redattore.

 

Ve lo consegniamo immortalato in questa immagine che speriamo diventi famosa su facebuk! (scusate ma io l’inglese lo parlo come lo mangio) !!!!

Cattura

Gian Battista Cassulo
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina