Home | Appennino | Magie in musica per i cortili di Novi

Domenica 14 settembre a Novi “Cortili nascosti in musica”

Magie in musica per i cortili di Novi

1535756_733232413429969_932773018210284312_n 10507107_733232146763329_1656596034398628039_o 10583049_733232003430010_3376832718342494865_o 10629842_733232023430008_5542839246618069271_n 10650032_733232623429948_1923132072522447630_n 10659085_733232173429993_417574852543161271_o 10669028_733233106763233_1287921801511263669_o

Un pubblico attento, divertito e partecipato. Un pubblico degno di una grande manifestazione. Novi e i novesi non dimenticheranno questa giornata: questa domenica pomeriggio ci siamo riappropriati dei nostri cortili, troppo spesso dimenticati. La musica ci ha unito in una giornata speciale, grazie a tutti” con queste accorate parole l’assessore Cecilia Bergaglio ha chiuso la manifestazione “Cortili nascosti in musica”, spettacolo musicale andato in scena presso il foyer del palazzo Cambiaso-Negrotto. Si è trattato di un concerto animato dal “Trio dell’Isola” composto dal Stefano Marelli (voce), Andrea Garavelli (basso) e Gianni Nesto (batteria). I tre si sono cimentati con le gemme più preziose del cantautorato nostrano e non, spaziando nelle note e nel tempo: da “Sidon” di Fabrizio De Andrè di terribile attualità, all’applauditissima “La Costruzione di un amore” di Ivano Fossati. C’è stato spazio anche per i brani dello stesso tortonese Marelli che ha infiammato la folla con la sua “Lento lento” dall’ultimo fortunato album “Facile o felice”. Sulle note di “Creuza de Ma” è stato realizzato anche un balletto, grazie alla direzione della Scuola di Danza Roberta Borello.  Numerosi i partecipanti, quasi un centinaio che hanno affollato l’artistico salone: un naturale abbraccio che la cittadinanza di Novi Ligure ha voluto dare alla scuola cantautorale genovese. Quando per fare un viaggio a Genova e “per l’alto mare aperto” basta aprire la porta di un cortile immerso nel sole.

Un ringraziamento al circolo civil-cultural-musicale de “L’Isola Ritrovata” di Alessandria

Eleuterio (Fotografie di Fabio Gagliardi)
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina