Home | Appennino | Quelle grandi ruote rosse ad Arquata Scrivia

Il libro di Francesco Bertuccio e Maria Giovanna Mello

Quelle grandi ruote rosse ad Arquata Scrivia

2068_quelle_grandi_ruote_ Sabato 20 settembre, il comune di Arquata Scrivia, tramite l’assessorato alla cultura, in collaborazione con il Centro Arti Figurative “Santo Bertelli”, l’ANPI di Arquata Scrivia sezione “Oreste Brigata” e la Società Operaia di Mutuo Soccorso, organizzano, sabato 20 settembre, presso la sala della S.O.M.S. la presentazione del libro “Quelle grandi ruote rosse : storie di vita e di lavoro in Valle Scrivia”, scritto dal ronchese Francesco Bertuccio, presidente dell’associazione “Mastodonte dei Giovi”, in collaborazione con la sua grande amica Maria Giovanna Mello, bresciana da anni innamorata dell’entroterra genovese, il libro è edito dalla genovese Sagep.

Il libro, di cui è possibile leggere una recensione sul numero cartaceo dell’Inchiostro Fresco di dicembre 2013, è una raccolta di testimonianze di lavoratori o semplici abitanti, che avevano in qualche modo a che fare con lo sviluppo delle ferrovie in Valle Scrivia. Al suo interno vi sono moltissimi racconti : dai capostazione, alla cooperativa dei ferrovieri fino a quelle tragiche della deportazione durante l’ultimo conflitto mondiale a quelle divertenti come il bambino che si arrampicò sulla sbarra del passaggio a livello e venne immortalato da un fotografo del Secolo XIX di passaggio in zona.

A seguire vi sarà un dibattito sull’idea dell’Ecomuseo della Valle Scrivia, un cavallo di battaglia che Bertuccio porta avanti da anni e vi sarà la presentazione della mostra Cesare Pozzo e il tempo del vapore, che si svolgerà dal 4 al 12 ottobre prossimi presso l’ex sottostazione ferroviaria di Ronco Scrivia, dedicata alla figura di questo grande pioniere dei diritti dei lavoratori, figura ingiustamente ed inspiegabilmente dimenticata e verso la quale L’Inchiostro Fresco ha lanciato un appello ai comuni di Serravalle Scrivia (città natale di Pozzo) e di Genova per l’intitolazione di una strada.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina