Home | Acqui | Più PIL per tutti

Per far quadrare i conti il Governo annovera nella ricchezza del Paese anche i proventi del malaffare e a noi c'è giunta l'idea di proporvi questo pezzo chiaramente ironico ambientato nell'Ottocento

Più PIL per tutti

In questa società sempre più commerciale dove valori e sentimenti sembrano ormai rimasti archiviati nel mondo di De Amicis e dove una classe dirigente, indegna di tale nome, pur di alzare il prodotto interno lordo (PIL), vorrebbe inserire nel novero della ricchezza prodotta dal Paese anche i proventi delle diverse attività mafiose (droga, prostituzione, pizzo, racket), i capitali profusi nel gioco d’azzardo e quelli derivanti dal mercato del sesso attualmente messo all’indice (che a nostro avviso invece dovrebbe essere legalizzato e soprattutto tassato), abbiamo deciso, in questo squallore diffuso, di rendere, ricorrendo all’arma della satira, più dolci e meno venali gli annunci che le escort e i transessuali normalmente pubblicano sulle varie testate anche nazionali, le quali, forse, con tali proventi tentano di rimpinguare le loro esauste casse in quanto, a furia di incensare il potere dominante pur di averne benefici, stanno continuamente e costantemente perdendo i loro lettori.

 

E allora cari amici del nostro sito, ecco come a noi de “l’inchiostro fresco” piacerebbe che apparissero gli annunci erotici su tali giornali, anche per rendere più aggraziato e meno rude questo mondo nel quale stentiamo sempre più a riconoscerci.

Gianni&Pinotto

Una lettera da Marlene ai suoi clienti

 

Caro lettore io non ti conosco e tu non mi conosci, ma attraverso questo foglio di informazione potremmo giungere ad avere tra noi quell’incontro dal quale potrebbe sbocciare quel momento magico che alcuni chiamano “Amore”, ma che purtroppo non può essere così nomato nel nostro caso, perché so già che tu ambirai a cogliere solo e solamente il mio frutto più proibito, che io nella mia qualità di giovine trascinata dalla vita su questa triste china, sono costretta, sia pure nella più ampia libertà di persona non sacrificata all’altrui volere, a concedere. Permettimi ordunque o mio sconosciuto lettore acciocché non darti delusioni, di presentarmi a priori e dirti ch’io sono prosperosa e d’un bell’aspetto.

Il mio corpo infatti è  ben tornito, con i doni del Signore ben distribuiti lungo i posti giusti e, per dirla con quel tocco d’arte che dentro di me coltivo, potrei quasi definire la mia figura “botticelliana”,  con quel materno seno ben portato, pronto ad accogliere il tuo maschio ardore.

tiziano-venere-urbino-golapyan

Poiché viviamo in una società di “sepolcri imbiancati”, so già che tu, pur scalpitando alla lettura di codesto mio invito, ti sentiresti trattenuto dall’entrare nella mia dolce alcova, dai più ormai nota, per timor d’esser riconosciuto.

Ebbene sappi, o mio illustre amico – permettimi di chiamarti già in cotal modo – ch’io, proprio ben sapendo di tal maschio patema e ben conoscendo quanto le mogli sarebbero furiose a lo momento in cui alle loro orecchie giungesse una pur piccola voce, feci in modo di procurarmi il sito, dov’io desiderosa t’attendo, in loco molto discreto, là ove tu, senza timor alcuno, entrar potrai e farmi tua tra la tua avvolgenti braccia!!!

Escludo comunque, acciocché qualcun già me l’ha dimandato, incontri clandestini al di fuori della mia dimora, perché accadde una volta che, facendo consessi carnali su una carrozza, il mio focoso compagno tanto fece e tanto diede che li cavalli imbizzarriti dalli strani rumori che giungean loro dal retrostante coupé, partirono. a briglie sciolte, al galoppo più sfrenato e il nostro nido galeotto, senza più guida alcuna, rovinosamente si rovesciò in un campo di grano, dove solo li solerti contadini, facendo pudici i loro sguardi nei confronti delle nostre nudità, corsero a raccogliere noi meschini, interrotti sul più bello dalla corsa dei destrieri.

8036306776

Ecco questo è quello che volevo dirti con questo mio pubblico messaggio, che spero su codesto giornale, tu lo legga e lo sappia fare tuo.

Attendendoti e bramandoti, un bacio profondo e appassionato,

titanic03

 

tua Marlene

 

Gianni & Pinotto
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina