Home | Gli studenti discutono | “INSIEME”, IL DIZIO-DIARIO CHE GUARDA AL FUTURO, NASCE A NOVI

Una piacevole sorpresa per migliaia di alunni delle scuole primarie e medie

“INSIEME”, IL DIZIO-DIARIO CHE GUARDA AL FUTURO, NASCE A NOVI

Con l’apertura delle scuole, migliaia di studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado della provincia di Alessandria hanno ricevuto la nuova edizione del Diario scolastico Insieme, realizzato dall’Associazione culturale Orizzonti Novi.

copertina diario 2014-15Osvaldo Repetti, che del Diario è ideatore e curatore, così si esprime in merito:

Innanzi tutto ci conforta il successo ottenuto dal nostro Diario, giunto alla settima edizione consecutiva.

Crediamo che ciò dipenda dalla formula adottata, che ha forti risvolti didattici. Il Diario “Insieme” è, infatt, nello stesso tempo, strumento di conoscenza e di approfondimento di alcune tematiche di interesse didattico e tradizionale strumento di comunicazione tra scuola e famiglia.

Il nostro Diario ha cercato di essere attento ai mutamenti che la scuola ha vissuto e sta vivendo. Molto è cambiato tra i banchi di scuola, e al cambiamento abbiamo sempre voluto adeguarci con i contenuti editoriali che via via abbiamo proposto. In particolare, la nostra attenzione è sempre stata rivolta ad alcuni temi – guida: l’ambiente, la conoscenza del territorio, i quattro elementi fondamentali (aria, acqua, fuoco, terra), l’educazione al pensiero.  Su di essi abbiamo cercato di attirare l’attenzione di alunni e docenti: il riscontro è sempre stato positivo. I temi proposti vengono trattati giornalmente in ciascuna delle pagine del Diario e costituiscono fonte di conoscenza, di approfondimento e momenti di ricerca che difficilmente trovano rispondenza nei libri scolastici, specie per quanto attiene il territorio e l’ambiente nostro.

Quest’anno abbiamo voluto cambiare un po’ l’impostazione seguita in precedenza: è la dimensione interculturale che ci guida nelle pagine giornaliere. Offriamo una sorta di dizionario (lo chiameremo dizio-diario) in alcune delle lingue più parlate in Italia e nelle nostre scuole (oltre all’italiano, il francese, l’inglese, lo spagnolo, il tedesco, il rumeno). Abbiamo individuato alcune tra le parole più diffuse, che giornalmente gli alunni vedranno scorrere nelle pagine: potranno essere utilizzate come dizionario o anche come una sorta di gioco da fare con i compagni, anche di estrazione linguistica diversa, alla scoperta di parole nuove, delle loro correlazioni e dei loro significati. Su questa strada intendiamo continuare anche per il futuro, per aprire le menti alla conoscenza, anche quella linguistica.

 

La copertina del Diario, realizzata dalla pittrice Daniela Fava, è una libera interpretazione del cosiddetto Disco di Nebra.

Il Disco di Nebra è una lastra in metallo con applicazioni in oro risalente all’età del bronzo che raffigura chiaramente fenomeni astronomici e simboli di forte impronta religiosa. Il disco è considerato la più antica rappresentazione del cielo e uno dei ritrovamenti archeologici più importanti del XX secolo. Raffigura il sole, la luna e le stelle, e alcuni archeologi pensano che sia una specie di “calendario astronomico” portatile: le due linee curve alle estremità infatti indicherebbero il percorso che fa il sole alla latitudine corrispondente alla città di Nebra, tra l’estate e l’inverno.   Fu rinvenuto nell’estate del 1999 da alcuni saccheggiatori di tombe all’interno di una cavità in pietra sul monte Mittelberg, nei pressi della cittadina di Nebra, in Germania. Dal 2002 appartiene al museo regionale della preistoria di Halle, in Sassonia-Anhalt

Osvaldo Rapetti
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina