Home | Valle Stura e Val d'Orba | Scuola e tecnologia : l’esempio di Mele per la Liguria

La scuola media di mele modello in Liguria e in Italia

Scuola e tecnologia : l’esempio di Mele per la Liguria

Tecnoclasse Mele Si terrà mercoledì 8 e giovedì 9 ottobre, presso l’auditorium dei Magazzini del Cotone del Porto Antico di Genova, la Conferenza Regionale sul sistema educativo, promossa dall’assessorato all’Istruzione ed alla formazione della Regione Liguria e realizzato con i contributi del Fondo Sociale Europeo.

La conferenza farà il punto sull’applicazione della Legge 18 e sulle sue integrazioni e modificazioni, portando alla luce i dati relativi al periodo 2009-2013 e valorizzando l’evoluzione del sistema regionale, in vista della redazione dei piani triennali regionali nell’imminenza della partenza effettiva della programmazione dei fondi strutturali 2014-2020.

La Scuola Media di Mele sarà portata ad esempio come fiore all’occhiello a livello regionale e nazionale, per l’utilizzo delle tecnologie nella didattica. Nel corso della conferenza sarà presentata la “Tecnoclasse”, ovvero il progetto per la didattica digitale nella scuola secondaria di primo grado, che è stato applicato e portato avanti con successo a Mele, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Voltri.

La Scuola Media di Mele, con il progetto avviato dall’Amministrazione Comunale tre anni fa dall’allora assessore dall’istruzione ed attuale sindaco Mirco Ferrando che, tra l’altro ha previsto l’utilizzo del tablet per ogni alunno, ha ottenuto in questo periodo alcuni importanti traguardi come la definizione di un sistema di archiviazione dei vari materiali, la progettazione di contenuti digitali, la ridefinizione del rapporto con il libro di testo e ha introdotto importanti novità rispetto a quelle che erano le pratiche consuete della scuola, modificando la classe che è diventata una sorta di laboratorio, modificando altresì la metodologia dell’insegnante e l’uso degli strumenti di comunicazione. Quella di Mele è stata una vera e propria rivoluzione che ha fatto risaltare l’aspetto della sintonia dell’insegnante in un contesto di classe sempre più complesso ed ha fatto emergere multimedialità, multimodalità e transmedialità.

I lavori della Scuola Media di Mele sono visitabili ai siti : http://melevalley1.wordpress.com/ e http://melevalley2.wordpress.com/

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

1 commento

  1. Gian Battista Cassulo

    Gent.mo Sig. Dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo di Mele

    Già da anni all’interno del nostro periodico d’informazione locale, pubblichiamo un inserto titolato “l’inchiostrino” (che per la scuole di Acqui Terme assume la denominazione di “Saracchino”), ove alunni e studenti producono, sotto la guida dei loro insegnanti, articoli, reportage e ricerche su argomenti vari.

    Ciò, sia per creare identità di gruppo tra i ragazzi, sia per far conoscere al mondo esterno, il mondo della scuola e la sua attività didattica.

    Uno tra i filoni più perseguiti dalle varie redazioni scolastiche de “l’inchiostrino” è quello relativo alla cittadinanza attiva, dove il tema della Costituzione diventa di centrale rilevanza e alcuni collaboratori de “l’inchiostro fresco”, che è edito dall’associazione culturale “Club Fratelli Rosselli”, si recano ciclicamente nelle scuole per tenere seminari sulle origini delle costituzioni.

    Tali seminari sono appositamente studiati per far comprendere agli alunni e studenti di ogni ordine e grado i principi della separazione dei poteri e della volontà generale sui quali si basano le moderne costituzioni, attraverso appositi modelli comparativi approntati presso la Facoltà di Scienze politiche di Genova.

    Leggendo della vostra attività didattica e del grado di tecnologia acquisita dal suo Istituto, noi de “l’inchiostro fresco” saremmo oltremodo onorati se anche i suoi alunni e studenti volessero partecipare al progetto de “l’inchiostrino”.

    Sperando in un suo assenso, porgiamo cordiali e distinti saluti

    Per l’associazione “Club Fratelli Rosselli”
    editrice de “l’inchiostro fresco”
    Dott. Gian Battista Cassulo

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina