Home | Novi Ligure e il Novese | LA MANOVRA CORRETTIVA DELLA NUOVA GIUNTA NOVESE

Un intervento del Comitato Al Fare

LA MANOVRA CORRETTIVA DELLA NUOVA GIUNTA NOVESE

Come avvenuto nel precedente anno elettorale, il 2009, anche il 2014 sarà un anno difficile per i conti del Comune di Novi Ligure.

In vista delle elezioni i cordoni della borsa tendono ad allargarsi e alla fine chi paga è sempre Pantalone.

Anche se sarebbe facile polemizzare sulla scarsa capacità di previsione (o malizia politica) della precedente giunta Robbiano, e si sa che è meglio prevenire che curare,  bisogna concentrare l’attenzione sul vero problema.

A causa delle solite (e quindi prevedibili) manovre improvvise di Stato, Regione e Provincia (tutte a guida PD peraltro), il Comune di Novi rischia di non rispettare il Patto di Stabilità. Trattandosi di materia molto complessa, ci limiteremo a precisare che la legge impone al nostro comune di raggiungere determinati obiettivi di bilancio. Per essere chiari, pur non essendo in perdita , siamo costretti a realizzare un utile che ci costa  circa 2 milioni e mezzo di Euro.

A questo punto le domande da porsi sono 2. Cattura

La prima: conviene rispettare il patto di stabilità? Sicuramente si; il mancato rispetto imporrebbe al nostro comune in futuro una serie di vincoli che porterebbe a sacrifici maggiori.

La seconda: come rispettare il Patto di Stabilità? A nostro avviso si doveva  intervenire più decisamente  sul taglio della spesa della macchina comunale e del personale ed attingere una tantum in modo sostanzioso alle riserve del Gruppo Acos;   non è un segreto che l’uomo-Acos  sia stato uno dei grandi elettori del sindaco Muliere ed è quindi corretto che ne porti in qualche modo le conseguenze.

Per far tornare i conti purtroppo la  strada intrapresa, al di là dei proclami e delle promesse elettorali,  è sempre la stessa  di Prodi, Berlusconi, Monti, Letta e forse Renzi:  più tasse ,con l’innalzamento dell’addizionale Irpef all’ 8 per mille per i redditi superiori a 15.000 euro l’anno. Incuranti degli enormi sacrifici, peraltro inutili, imposti al ceto medio ormai stremato,  quel ceto medio produttivo , che attraverso la piccola e media impresa, il commercio, le arti e le professioni, fino a poco tempo fa produceva l’85 % del Pil. Ovviamente non proviamo preoccupazione per la parte di ceto medio costituita dalla casta politica e dirigente novese, che trae la propria capacità reddituale, in tutto o in parte, dai privilegi del settore pubblico e del potere politico.

Ma loro ci occuperemo prossimamente.

Vincenzo Rapa
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina