Home | Appennino | Motoclub Solda: from Scotland with Love

Il club silvanese sempre in movimento

Motoclub Solda: from Scotland with Love

Cattura Cattura2 Cattura3 Cattura5

Anche quest’anno il club silvanese ha felicemente concluso la gita “Clou” della stagione: l’associazione motociclistica ha alle sue spalle l’organizzazione di oltre 100 viaggi. Il dott. Alessandro Soldatini, eclettico fondatore ed oggi presidente del sodalizio, ha temporaneamente abbandonato gli alambicchi della “Distilleria Gualco” di Silvano d’Orba, storica azienda di famiglia che gestisce con i due figli ed ha abilmente condotto i centauri, una dozzina a bordo di moto di grossa cilindrata, attraverso un percorso che si è spinto fino ai confini settentrionali della Scozia. Superato il traforo del Monte Bianco i motociclisti hanno attraversato la Francia fino a raggiungere il porto di Calais, qui hanno imbarcato i mezzi con destinazione Inghilterra. Poi hanno compiuto il periplo dell’Isola Britannica fino a raggiungere le Highlands scozzesi e le numerose isole che fanno da corollario. La traversata Newcastle-Amsterdam ha riportato sulla terraferma i centauri che, dopo una breve visita alla capitale olandese, attraverso il percorso Belgio/Germania/Svizzera, sono rientrati. Tempo impiegato: 23 giorni per coprire un itinerario che ha superato i 6.000 chilometri. Lungo il tracciato, il gruppo ha fatto tappa in luoghi storici come Stonehenge, sito neolitico dalle origini sconosciute ove recentemente si è recato anche il Presidente Obama ed il Vallo di Adriano, linea difensiva e confine nord dell’Impero Romano. Ha visitato i numerosi castelli sparsi su tutto il territorio scozzese, tra cui spiccano Balmoral, residenza estiva della Regina Elisabetta ed il Castello di Edimburgo, patrimonio Unesco. Una giornata è stata dedicata all’Isola di Man, teatro del Tourist Trophy, mito per ogni motociclista, ormai escluso dal Motomondiale per l’eccessiva pericolosità del tracciato che ha causato decine di morti.  Infine, non meno suggestiva e ricca di fascino, la sosta sulle sponde del Loch Ness. Soldatini assicura che il suo team non si è lasciato sfuggire l’occasione di un incontro con Nessie, leggendario mostro dalle saltuarie apparizioni. A comprova, promette di esibire un album fotografico che verrà pubblicato, come di consueto, in prossimità del periodo natalizio.

Irene Basso
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina