Home | Entroterra Genovese | Il Cinipide in mostra a Ronco Scrivia

Presso l'ex sottostazione ferroviaria

Il Cinipide in mostra a Ronco Scrivia

E’ in corso, nei locali dell’ex sottostazione ferroviaria di Ronco Scrivia, la mostra “Lotta biologica al Cinipide del castagno”, a cura dei giovani fotografi naturalisti Claudio Ghiglione, Federico Crovetto e Marco Maggesi, organizzata dal Centro Servizi Culturali di Ronco Scrivia in collaborazione con l’Amministrazione Comunale.

La mostra, composta da una raccolta di fotografie dettagliate, accompagnate da pannelli esplicativi, è unica nel suo genere, come avevamo parlato infatti in un articolo uscito sul nostro sito nel mese di settembre, i tre giovani fotografi sono i primi ad aver documentato, in dettaglio, come nasce ed agisce il Cinipide del castagno, questo parassita che, negli anni scorsi, ha causato enormi danni ai castani in Liguria e in buona parte d’Italia, riducendo al minimo la produzione di castagne. Una delle foto del Cinipide, che si può ammirare nella mostra di Ronco Scrivia, è stata addirittura mostrata nel programma RAI “Geo & Geo”, proprio perché è una delle pochissime, se non l’unica a mostrare così in dettaglio un esemplare del Cinipide.

La mostra sul Cinipide è arricchita, inoltre, da una serie di belle fotografie naturalistiche sugli animali che si trovano nel territorio della nostra regione, realizzate sempre dai tre fotografi genovesi : possiamo ammirare il daino, il geco grigio, il granchio di fiume, l’ululone ed altro ancora.

Questa mostra ed altre iniziative stanno facendo tornare la Valle Scrivia lentamente alla normalità, dopo i gravi danni provocati dall’alluvione dei giorni scorsi.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina