Home | Io penso dunque sono | SEDUCO… DUNQUE SONO! LE SEDUZIONI QUOTIDIANE E IL PERCORSO DELLA SEDUCENZA

Sabato 25 ottobre il libro verrà presentato presso la Biblioteca Civica di Novi Ligure

SEDUCO… DUNQUE SONO! LE SEDUZIONI QUOTIDIANE E IL PERCORSO DELLA SEDUCENZA

Riceviamo e con piacere pubblichiamo

140609 oggero

Il testo inizia prendendo in esame la Seduzione, intesa in senso lato come capacità etero-centrata di stabilire e mantenere buone relazioni con l’Altro.

L’ipotesi iniziale è che il comune denominatore che genera le numerose e differenti forme di Malessere sia costituito dalla Incapacità di sedurre, e che il possibile rimedio – per il Barone di Münchhausen è il suo codino, al quale egli si aggrappa per non sprofondare nella palude –, sia costituito dalla Capacità Seduttiva.

Al fine di introdurre il lettore nel discorso, viene proposta un’autodiagnosi che, correlando la percezione che egli stesso ha della propria capacità seduttiva e la soddisfazione che gli deriva da questa capacità, gli consente di posizionarsi all’interno di una matrice diagnostica, facilmente leggibile (e corredata delle spiegazioni necessarie a capire il suo rapporto con la seduzione).

Si sviluppano quindi i possibili significati di Seduzione e Seducenza, termine quest’ultimo proposto per sottolineare non tanto l’idea astratta della seduzione, quanto l’azione del sedurre nella sua quotidianità, nel suo divenire, grazie agli atti e alle mosse di chi vuole essere séduisant.

Dopo un rapido approfondimento dei significati di Comunicazione e Meta-comunicazione, si propone l’idea che anziché di un’unica seduzione (comunemente intesa nell’accezione erotico-sessuale) sia preferibile parlare di Seduzioni Quotidiane, cioè delle varie forme che la seduzione assume nella quotidianità di ogni individuo. Quelle seduzioni che richiedono a ognuno di noi di realizzare preventivamente un processo mentale consistente nel Pluralizzare la seduzione: viene proposto di riflettere su almeno sei tipi di seduzione: visiva, uditiva, tattile, olfattiva, semantica e gustativa.

In questo modo la seduzione/seducenza può diventare quasi una forma d’Arte e di Gioco, i cui padri costitutivi sono il Desiderio e il Bisogno, mentre la Comunicazione e la Meta-comunicazione ne costituiscono gli strumenti primari, e l’Invisibilità, l’Ambivalenza, la Femminilità, la Generosità, la combinazione di Realismo e Immaginazione, la Sorpresa, la Comodità, il Coraggio, ne sono alcuni dei tratti caratterizzanti.

Esaurita la parte teorica del testo, si passa quindi alla parte pragmatica, dove viene proposto un protocollo di apprendimento, che consente di acquisire o migliorare la capacità seduttiva (allo stesso modo con cui si impara una capacità molto comune, quella di guidare l’automobile).

 

Il percorso della seducenza (PdS) è articolato in sette tappe: ciascuna è indispensabile all’acquisizione e al consolidamento della capacità in esame.

1. J La prima consiste in un atto di comprensione: comprendere che cos’è la seduzione, quali sono le sue origini e la sua etimologia, e come può essere assunta come idea-guida per l’azione.

2. J La seconda tappa necessita di un gesto d’amore: amare la comunicazione e familiarizzare con i suoi ‘derivati’.

3. J La terza è un’operazione diagnostica: mettersi davanti allo specchio per conoscere se stessi.

4. J La quarta è un’operazione di etero-centratura: imparare a leggere e comprendere gli altri, e a centrarsi su di loro.

5. J La quinta tappa richiede di metamorfizzarsi, realizzando un vero e proprio mutamento (come Zeus) del proprio comportamento (sguardo, postura, linguaggio, ecc.). Viene anche proposto a questo fine un altro strumento diagnostico, la matrice Metamorfosi-Centratura.

6. J La sesta tappa richiede di allearsi con il tempo, per imparare a cogliere il momento opportuno, quello che i greci chiamavano kairòs.

7. J L’ultima è di natura pragmatica e consiste nell’immergersi in una dimensione realizzativa: ciò che vale alla resa dei conti è il risultato.

 

Ognuna delle sette tappe è corredata dalle Parole-Satelliti, ovvero da quei termini che completano e arricchiscono il carattere e il senso di ogni mossa. A titolo esemplificativo: Comprendere, Sguardo, Fascino, Altro, Immagine, Coraggio, Narcisismo, Identità, Futuro, Speranza, Tempo.

Per sottolineare l’approccio realistico al tema, è proposto al lettore un modello, Il Cono della Potenza Seduttiva (che analizza tre possibili atteggiamenti psicologici rispetto alla seducenza: Onnipotenza, Impotenza e Potenza), e viene rimarcata la necessità che ognuno si dia obiettivi raggiungibili, sapendo valutare e rinunciare a ciò che è Inseducibile.

 

Le ultime pagine propongono tre brevi capitoli di sapore ironico:

– I killer della seducenza, quali la scontatezza, la banalità, l’arroganza, la presunzione, la prevedibilità e l’ovvietà –, e la regina dei Killer: la noia;

Consigli sicuri per un fallimento garantito:

     – Alla ricerca dell’anti-seduzione.

Il libro sarà presentato dall'Assessore all'Istruzione e alla Cultura del Comune di Novi Ligure Cecilia Bergaglio, alle ore 11 presso la sala auditorium della Biblioteca Civica

Il libro sarà presentato dall’Assessore all’Istruzione e alla Cultura del Comune di Novi Ligure Cecilia Bergaglio, alle ore 11 presso la sala auditorium della Biblioteca Civica

Redazione
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina