Home | Entroterra Genovese | “Le rose dell’Ecuador” a Savignone

Il nuovo romanzo di Marina Garaventa

“Le rose dell’Ecuador” a Savignone

rose dell'ecuador Sarà presentato domenica 26 ottobre, alle ore 17:00 presso il Cinema Teatro Mons. Paolo Botto di Savignone, il nuovo romanzo di Marina Garaventa, “Le rose dell’Ecuador”, edito da Libero di Scrivere Edizioni.

La presentazione avverrà alla presenza della stessa autrice, con gli interventi sul palco della nota attrice teatrale Carla Peirolero (che da anni organizza il Suq di Genova), dell’editore Antonello Cassan e dell’assessore alla cultura del Comune di Savignone, Claudia Garré. Gli organizzatori annunciano anche l’arrivo di… ospiti a sorpresa.

Il romanzo, secondo le parole del giornalista Marco Rinaldi, narra «la storia di un’amicizia, la storia di due donne apparentemente distanti, che cercano ostinatamente la felicità. Una deve riconquistarla, l’altra deve imparare a conoscerla. Le differenze esistenti non saranno un ostacolo e contribuiranno ad arricchire entrambe».

Marina Garaventa, scrittrice di Savignone, è un personaggio realmente straordinario, un esempio di forza di volontà per tutti : nata nel 1960, figlia del grande tenore recentemente scomparso Ottavio Garaventa, viene colpita sin dalla nascita da una malattia terribile : la sindrome di Ehlers-Danols. Marina Garaventa da dodici anni vive grazie all’aiuto di un respiratore che utilizza ventiquattrore al giorno, non può muoversi né parlare ma, grazie all’aiuto di un computer comunica con il mondo. Marina gestisce un blog “La principessa sul pisello” ed ha scritto libri di romanzi, tra cui “Voglio arrivarci viva”, dedicato alla sua battaglia contro la malattia e “Scuola di canto” un racconto di amore, ansie e passioni di studenti di musica lirica.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

1 commento

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina