Home | Entroterra Genovese | Il Pedibus di Busalla: un bel progetto…ma c’è ancora molta strada (a piedi) da fare

IFTV in un piccolo (grande) reportage a Busalla

Il Pedibus di Busalla: un bel progetto…ma c’è ancora molta strada (a piedi) da fare

IFTV che dà sempre spazio alle notizie che provengono sia dal Parco dell’Antola, sia da quello delle Capanne di Marcarolo sia da quello del Beigua, come alle news provenienti da tutti gli appassionati della natura (vedi Paradase, paradiso degli asini), ovvero in genere da tutti gli scarpinatori, altro non può che condividere il progetto Pedibus per gli alunni. Andare a scuola a piedi fa bene alla salute e contribuisce ad una crescita sana e ordinata.

Ma guardando l’ubicazione del cartello Pedibus, sito nel caotico centro di Busalla e ancor più guardando lo strettissimo marciapiede, a disposizione dei “piedini” (i pedoni “scolari“) ci domandiamo se, con tutti i gas di scarico lì presenti, questo progetto possa realizzarsi in modo pieno, soprattutto quando ha a disposizione spazi talmente ridotti quali appunti gli strettissimi marciapiedi documentati nel video e nelle foto.

Cattura Cattura1 Cattura2 Cattura3 Cattura4 Cattura5

 

Prima di rientrare abbiamo fatto una capatina al Mercatone Uno di Serravalle Scrivia per controllare la distribuzione dei nostri inchiostri e lì abbiamo gustato un buon caffé, allietati dalla vista della simpaticissima Giulia Realdini nata il 18 aprile 2014.

Prima di rientrare abbiamo fatto una capatina al Mercatone Uno di Serravalle Scrivia per controllare la distribuzione dei nostri inchiostri e lì abbiamo gustato un buon caffé, allietati dalla vista della simpaticissima Giulia Realdini nata il 18 aprile 2014.

Robespierre
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina