Home | Magazine | Dolcenera: Genova sfida l’alluvione

Una canzone di Faber in onore di chi resiste, contra pioggia e maltempo

Dolcenera: Genova sfida l’alluvione

Fabrizio De Andrè

Fabrizio De Andrè

Una canzone, in onore delle vittime di ieri e di oggi, per celebrare il coraggio di Genova.

Oggi come ieri, Genova è in allerta meteo, torrenti e fiumi di città sono pronti ad esondare.

Ed è stata proprio un’alluvione ad ispirare Fabrizio de Andrè per una delle sue canzoni più famose, “Dolcenera”.

A fare da sfondo, l’alluvione del 1972: un anno intero di pioggia eccezionale, che mette in ginocchio la Liguria ed il suo capoluogo. Commosso dal coraggio dei genovesi, Faber racconta la storia di un amore tra il protagonista e la “Moglie di Anselmo”. Tra il “Tumulto del cielo” e lo “Straripare di un torrente” si consuma un rapporto difficile e tormentato: lui vorrebbe fare l’amore, lei è in difficoltà con l’acqua che sale. Mentre un coro in dialetto ricorda la situazione (“amìala ch’â l’aria, amìa cum’â l’è, cum’â l’è”), de Andrè fa vivere su due piani di realtà.

Il primo, quello dell’alluvione, viene trasformato in metafora dalla voce del solista, in quello simbolico: la canzone diventa metafora tanto della libertà, che impone rinunce dolorose, quanto del potere del tiranno “Che vorrebbe eliminare gli ostacoli al suo potere”.

 

Amìala ch’â l’arìa amìa cum’â l’é

amiala cum’â l’aria ch’â l’è lê ch’â l’è lê

amiala cum’â l’aria amìa amia cum’â l’è

amiala ch’â l’arìa amia ch’â l’è lê ch’â l’è lê

Guardala che arriva guarda com’è com’è

guardala come arriva guarda che è lei che è lei

guardala come arriva guarda guarda com’è

guardala che arriva che è lei che è lei

nera che porta via che porta via la via

nera che non si vedeva da una vita intera così dolcenera nera

nera che picchia forte che butta giù le porte

nu l’è l’aegua ch’à fá baggiá

imbaggiâ imbaggiâ

Non è l’acqua che fa sbadigliare

(ma) chiudere porte e finestre chiudere porte e finestre

nera di malasorte che ammazza e passa oltre

nera come la sfortuna che si fa la tana dove non c’è luna luna

nera di falde amare che passano le bare

âtru da stramûâ

â nu n’á â nu n’á

Altro da traslocare

non ne ha non ne ha

ma la moglie di Anselmo non lo deve sapere

ché è venuta per me

è arrivata da un’ora

e l’amore ha l’amore come solo argomento

e il tumulto del cielo ha sbagliato momento

acqua che non si aspetta altro che benedetta

acqua che porta male sale dalle scale sale senza sale sale

acqua che spacca il monte che affonda terra e ponte

nu l’è l’aaegua de ‘na rammâ

‘n calabà ‘n calabà

Non è l’acqua di un colpo di pioggia

(ma) un gran casino un gran casino

ma la moglie di Anselmo sta sognando del mare

quando ingorga gli anfratti si ritira e risale

e il lenzuolo si gonfia sul cavo dell’onda

e la lotta si fa scivolosa e profonda

amiala cum’â l’aria amìa cum’â l’è cum’â l’è

amiala cum’â l’aria amia ch’â l’è lê ch’â l’è lê

Guardala come arriva guarda com’è com’è

guardala come arriva guarda che è lei che è lei

acqua di spilli fitti dal cielo e dai soffitti

acqua per fotografie per cercare i complici da maledire

acqua che stringe i fianchi tonnara di passanti

âtru da camallâ

â nu n’à â nu n’à

Altro da mettersi in spalla

non ne ha non ne ha

oltre il muro dei vetri si risveglia la vita

che si prende per mano

a battaglia finita

come fa questo amore che dall’ansia di perdersi

ha avuto in un giorno la certezza di aversi

acqua che ha fatto sera che adesso si ritira

bassa sfila tra la gente come un innocente che non c’entra niente

fredda come un dolore Dolcenera senza cuore

atru de rebellâ

â nu n’à â nu n’à

Matteo Clerici
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina