Home | Novi Ligure e il Novese | Il rombo del pittore

15 novembre 2014: Maserati ritorna a Novi Ligure

Il rombo del pittore

 Maserati è un nome e un marchio conosciuto in tutto il Mondo. Se lo si pensa vengono subito in mente i concetti di bellezza, ricerca dei materiali e grande qualità: in un certo qual modo, la speranza di questo evento, è di legare strettamente il nome di Mario Maserati, pittore novese d’adozione, a quello della sua illustre famiglia di provenienza”, in queste parole di Claudio Pagetto si può racchiudere il senso della giornata di sabato 15 novembre. bozzetto Maserati (1)

Giornata nella quale la neonata Associazione “Novinterzapagina” (con già più di 30 iscritti) si presenta idealmente e materialmente alla città, con una serie di iniziative volte ad inserirsi nelle celebrazioni relative al centenario della casa automobilistica emiliana, portando contemporaneamente alla ribalta il pittore Mario Maserati, che dal 1943 fino alla sua morte avvenuta nel 1981, visse a Novi in maniera ritirata, conosciuto da tutti con il titolo di “professore”.

Parlavamo però della “giornata” di sabato. “Sabato la città si animerà, con un evento improntato sulla creatività, la cultura e l’organizzazione che ci auguriamo possa essere certosino. E proprio in questo senso tutti noi ci stiamo impegnando” ricorda l’ingegner Giovanni Castellani, presidente dell’Associazione e grande animatore dell’evento. “Come Associazione Novinterzapagina abbiamo pensato di proporre relativamente pochi eventi, un paio all’anno – conclude la propria spiegazione Castellani –  ma questi eventi saranno di assoluta qualità, proprio come quello su Maserati,. Non dimentichiamoci che proprio Mario Maserati ideò il famoso tridente , simbolo della casa automobilistica”.

Molto forte è la componente artistica e culturale dell’iniziativa: “Mario Maserati è un pittore che, come recita il titolo della mostra – Pittore del Novecento – , ha attraversato tutte le principali avanguardie e stili del secolo appena trascorso – spiega il professore di Storia dell’Arte Roberto Bergaglio, curatore della mostra e del relativo catalogo curato da Epoké edizioni – Partendo dagli anni della formazione giovanile presso l’Accademia di Brera ha poi conosciuto e collaborato con il Movimento Novecento propugnato da Margherita Sarfatti. Si è quindi avvicinato ora a De Chrico ora a Morandi, per poi ritirarsi a Novi dal 1960, continuando le sue speculazioni artistiche”. A Novi il pittore lavorò molto e su numerosi supporti: dalla tela cerata, al mosaico sino alle raffigurazioni di arte sacra “Un pittore a tutto tondo che se forse non ascrivibile ai grandissimi, può essere a degno titolo inserito nei principali pittori italiani del XX secolo” termina convinto Bergaglio.

Cattura

La Galleria PagettoArte ospiterà la mostra pittorica su Maserati: “La Galleria PagettArte spero possa diventare un centro nevralgico per la città – afferma convinto Claudio Pagetto spalleggiato dal figlio Nicolò – Aprendo le finestre siamo in via Girardengo, salendo le nostre scale si passa dal corso principale, di fianco alla chiesa di San Nicolò, ad uno spazio espositivo pensato e costruito per essere all’avanguardia. Di questo ringrazio mio figlio. A Novi è tempo che si ritorni a sentire il rombo del pittore!”.

 

 

 

 

 

Il programma di “Maserati e Novi

 4

 

  • ore 14,30 – arrivo e dislocazione auto Maserati lungo le vie del centro
  • ore 15,00 – foyer del teatro Romualdo Marenco, via Girardengo 48: “I fratelli Maserati, creatività e passione“, conferenza dell’ ing. Carlo Maserati, nipote del pittore (segue buffet)
  • ore 17,00 – galleria PagettoArte, via Girardengo 85-87: “Mario Maserati: un percorso del novecento italiano“, inaugurazione della mostra di dipinti di Mario Maserati.
Mattia Nesto
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina