Home | Genova | PIVIO E ALDO DE SCALZI A NEW YORK CON “MONK WITH A CAMERA”

Da Genova a New York

PIVIO E ALDO DE SCALZI A NEW YORK CON “MONK WITH A CAMERA”

A New York il 21 novembre The Elinor Bunin Munroe Film Center ospita la prima statunitense del film MONK WITH A CAMERA: The Life and Journey of Nicholas Vreeland” (USA, 2014 90′) di Guido Santi e Tina Mascara (i registi del cult “Chris & Don. A love Story”)Tra le guest del film Richard Gere e il Dalai LamaFirmano le musiche Pivio & Aldo De Scalzi – gli autori di “Song’e Napule”, colonna sonora dell’anno, ora impegnati con Enzo Monteleone e Giacomo Battiato – anche loro a New York per l’occasione. Prossimo appuntamento a Los Angeles il 12 dicembre (Laemmle’s Royal Movie Theater). Trailer 

Come il Principe Siddharta, Nicholas Vreeland ha abbandonato i privilegi della mondanità e del successo per seguire l’ideale buddista. Figlio di un ambasciatore, nipote della mitica Diana Vreeland e affermato fotografo, “Nicky” ha rinunciato a tutto ed è partito per l’India. Monaco tibetano da ormai 28 anni, ha ripreso in mano la macchina fotografica, ma solo per aiutare il Monastero di Rato e la sua comunità. “Monk With a Camera” racconta la sua storia. Utilizzando, insieme alle tecniche di ripresa tradizionale, immagini fotografiche, e molte sequenze di animazione “anni ’70”.

DalaiLama_MonkWithaCamera NicholasVreeland_MonkWithaCamera_01 NicholasVreeland_MonkWithaCamera_02 PIVIO&ALDODESCALZI_04

Nella costruzione della colonna sonora, Pivio e Aldo De Scalzi hanno aderito pienamente ai contenuti spirituali del film. Il percorso musicale è tutto ispirato al minimalismo americano degli anni ’60-’70, con uno score basato su marimba, piano, xilophono, chitarre e un quartetto d’archi eseguito dallo Gnu Quartet. Molti, naturalmente, i riferimenti alle musiche devozionali dei luoghi in cui il buddhismo è più praticato: per i due musicisti, un felice ritorno alla world music che ha decretato il loro primi successi.

– Monk With a Camera” racconta di un uomo che non ha paura di impegnarsi in un percorso diverso – dichiarano Guido Santi e Tina Mascara – Un uomo che, in questo percorso, trova una ragione in più per portare avanti il suo lavoro di artista. …E’ un film sul legame profondo tra Oriente e Occidente. Su come trovare un punto di equilibrio in un mondo sempre più instabile. …Può aiutarci a capire meglio noi stessi e il tempo in cui viviamo. –

Presentato in anteprima all‘ International Documentary Film Festival di Amsterdam (IDFA 2013), “Monk With a Camera” ha già fatto il giro del mondo: Taiwan, Nuova Zelanda, India e Israele. Ora è in uscita nelle sale di Stati Uniti e Nord America.

Marzia Spanu
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina