Home | Magazine | 2014, Mangia su Roma

Basta una cena a convincere il Paese?

2014, Mangia su Roma

Per conquistare l’Italia, i fascisti organizzarono la marcia su Roma, dimostrando la debolezza delle autorità democratiche.

renzi-discorso-cena

L’obiettivo del PD era più modesto, cercare finanziamenti, il metodo pacifico, ma il bersaglio lo stesso: la Città Eterna.

Così, il Partito Democratico ha organizzato una cena all’Eur, Salone delle tre fontane: biglietto d’ingresso, 1000 Euro.

Il prestigio del Partito (ed  il costo dell’entrata) hanno avuto effetto. Nonostante la privacy imposta,  tra i presenti  nomi come Chicco Testa, imprenditore ed ex dirigente ENEL,  Luca Parnasi, architetto e costruttore, James Pallotta, neo-presidente della Roma.

La cena è stata organizzata con due obiettivi precisi.

Il primo, raccogliere finanziamenti, è stato soddisfatto: come spiegato dal tesoriere Francesco Bonifazi, “Abbiamo raccolto un milione e 400 mila euro, raggiungeremo il pareggio di bilancio, non ci sarà nessuno taglio occupazionale nel partito”.

Sul secondo obiettivo, convincere “le alte sfere” italiane della bontà del governo, non ci sono dati certi, ma l’Inchiostro si permette di essere pessimista. Detto altrimenti, difficilmente location prestigiosa ed ospiti di lusso basteranno a racimolare consenso per Renzi ed i suoi ministri.

Matteo Clerici
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina