Home | Entroterra Genovese | “Busalla Punto a Capo” : le nostre proposte su sanità, urbanistica e rifiuti

La lista civica presenta il suo bilancio e le sue proposte in Consiglio Comunale

“Busalla Punto a Capo” : le nostre proposte su sanità, urbanistica e rifiuti

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il Comunicato Stampa della lista civica “Busalla punto a capo” in merito alle proposte su sanità, urbanistica e raccolta rifiuti:

Punto a capo ha presentato tre interpellanze che saranno discusse nel prossimo consiglio comunale previsto per la fine di novembre. Le iniziative riguardano temi vitali per Busalla e la valle Scrivia: la raccolta dei rifiuti, la sanità di valle e il nuovo, ma mai decollato, Piano urbanistico comunale. Tre punti fermi del programma della lista capitanata da Pietro Bellina che, non a caso, sono stati i temi caldi della recente pubblicazione periodica della formazione civica.

«I rapporti con il sindaco e la maggioranza sono cordiali ma questo non ci impedisce di mettere in evidenza problemi prioritari per la cittadinanza che sono stati malamente gestiti dalla precedente amministrazione” puntualizza lo stesso Bellina, capogruppo di Punto a capo in consiglio comunale.

Entra nel merito dei provvedimenti Mario Racheli, uno degli estensori del progetto “rifiuti zero” della lista: «Bisogna superare i ritardi che hanno contraddistinto questi anni, promuovendo e recependo il sistema della gestione integrata dei rifiuti. Per raggiungere l’obiettivo comunitario del “rifiuti zero” è necessario cambiare l’approccio tecnico, culturale e politico.  L’attività in assoluto più importante è la ridefinizione del modello di raccolta differenziata in tutto il comprensorio di valle. Un sistema di raccolta che preveda l’eliminazione dei cassonetti stradali e la differenziazione di tutte le frazioni di materia che compongono i rifiuti solidi urbani e assimilabili».

Sulla sanità il punto lo fa Nunzia Acampora responsabile Pd per la materia: «Dopo il consiglio comunale del 25 luglio non si è più parlato né di gara per l’affidamento della Rsa, né dello sgombero del Frugone entro fine di novembre, come era stato invece assicurato dal Prefetto. La sensazione è quella che il Comune resti un’altra volta in attesa degli eventi, piuttosto che intervenire attivamente, con la trasformazione in residenza sanitaria assistenziale che garantirebbe la possibilità, in futuro, di tornare a sperare in un punto di primo soccorso praticamente a costo zero»

Adriana Picollo, architetto votatissimo dice senza peli sulla lingua: «Il Comune di Busalla, ormai da anni, ci mette tutto l’impegno per non rimanere al passo. Altre amministrazioni della valle ben più piccole, con meno strutture e decisamente meno problematiche sul proprio territorio, operano invece per regolamentarlo e tutelarlo, con tempistiche e modalità ben diverse».

Infine, altro tema caldo è quello delle Consulte. Della necessità di un confronto «meno episodico» parla Paola Noli, tra l’altro vice presidente provinciale di Cna. Dopo quella dell’Ambiente, che nella scorsa legislatura ha avuto vita difficile, Punto a capo cerca di estendere il confronto con esperti e categorie anche «sul tema dell’urbanistica, dell’associazionismo e delle attività produttive. È ora – spiega Noli – di far entrare aria nuova nelle stanze dove si ė spesso deciso senza parlare con nessuno».

Su questo ultimo punto l’amministrazione ha dato piena disponibilità ad attivare al più presto due consulte come richiesto da Punto a capo, un passaggio importante perché non solo si rilancino le azioni su temi vitali come ambiente ed urbanistica ma si apra un confronto continuo con le associazioni del comune e le categorie produttive.

Su www.busallapuntoacapo.it è possibile scaricare i testi delle tre interpellanze, al seguente link:http://www.busallapuntoacapo.it/le-proposte-di-punto-a-capo-su-sanita-urbanistica-e-raccolta-rifiuti/

Marco Gaviglio (ufficio stampa Punto a Capo)
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina