Home | Entroterra Genovese | Post-alluvione : la situazione in Valle Scrivia

Gli aggiornamenti sulla situazione nelle vallate

Post-alluvione : la situazione in Valle Scrivia

Nella giornata di oggi è in vigore l’allerta 1 fino alle ore 24 di oggi sulla parte occidentale della Provincia di Genova e sulle Provincie di Savona e Imperia, è in vigore l’allerta 2 sulla parte orientale della Provincia di Genova e sulla Provincia di La Spezia.

In Valle Scrivia, a Busalla, il Comune più colpito dagli eventi alluvionali, le scuole oggi sono regolarmente aperte, nella frazione Cascine vi è una frana che ha rotto la tubatura dell’acqua, i lavori sono in corso ed il Comune invita a limitare l’utilizzo dell’acqua. In Piazza Garibaldi è stato allestito un punto di raccolta per i materiali alluvionati (compresi gli elettrodomestici), ad eccezione dei materiali infiammabili e pericolosi (per cui bisogna rivolgersi in Comune). Proseguono a ritmo serrato anche i lavori di ripristino della tubatura del gas (che fornisce Busalla, Savignone, Casella e Montoggio).

Nel Comune di Savignone la situazione è regolare ed è stato ripristinato, in tutto il territorio comunale, il servizio di distribuzione del gas metano. Le scuole sono regolarmente aperte.

Nel Comune di Montoggio a causa delle piogge insistenti la strada che collega la frazione di Pratolungo è interrotta al transito veicolare, nessuno escluso, gli utenti della strada saranno avvisati a mezzo di segnali stradali.

Nei Comuni di Casella, Ronco Scrivia ed Isola del Cantone la situazione risulta regolare e le scuole sono aperte. Anche la linea ferroviaria Genova-Arquata Scrivia svolge le sue corse regolarmente.

 

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina