Home | Genova | Mele : grande successo per “Caterina e l’angelo”

Grande riscontro di pubblico per il libro di Rita Nello Marchetti

Mele : grande successo per “Caterina e l’angelo”

Grande successo di pubblico ieri, per la presentazione del libro di Rita Nello MarchettiCaterina e l’angelo”, nell’affascinante cornice del Museo della Carta ad Acquasanta di Mele.

La presentazione è avvenuta alla presenza di Cinzia Cervetto, presidente della Pro Loco Mele EX-Melle, della consigliera comunale Maria Angela Ferrando in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale e dell’ex Sindaco Clio Ferrando. L’evento di ieri si è inserito nell’ambito del Festival dell’Eccellenza al femminile, che ha visto diverse presentazioni di libri nell’entroterra.

Il libro di Rita Nello Marchetti racconta la storia di Caterina Campodonico, la venditrice di dolci e nocciole ritratta in una celebre statua del Cimitero di Staglieno, che girava i paesi della Liguria e delle zone limitrofe, recandosi in particolare ai santuari, tra cui proprio Acquasanta. Caterina, con la sua storia particolare e coraggiosa è un simbolo del riscatto sia della donna che delle classi più umili.

Il racconto di Rita Nello Marchetti inizia nel Cimitero di Staglieno, definito come il più bello ed affascinante d’Europa assieme a Père Lachiase di Parigi, dove si trova la statua di Caterina Campodonico ed un’altra statua vicina ad essa, quella della tomba della ricca famiglia dei Carpaneto. Questa tomba è rappresentata da un angelo scolpito da Giovanni Scanzi, che guida una barca verso l’Aldilà.

Proprio a riferimento di questa statua si inserisce un’altra storia, che riguarda molto da vicino l’autrice : per realizzare l’angelo infatti, Scanzi si servì di un modello, un ragazzino di 12-13 anni, che venne definito estremamente bello, alto, longilineo e con i boccoli : quel ragazzo altri non era che Giuseppe Dellepiane, il nonno di Rita Nello Marchetti!

Infine l’ultima parte del libro ha un tono decisamente diverso dal resto, vi si trovano infatti le ricette autentiche di Caterina Campodonico, una di queste, quella dei canestrelli venne donata da Caterina al fornaio “Angeleri” di Acquasanta che, da più di un secolo realizza i canestrelli con la ricetta originale dell’epoca e che custodisce questo goloso segreto di generazione in generazione.

Durante il pomeriggio di ieri sono stati letti dei pezzi del libro e, come sorpresa, Rita Nello Marchetti ha recitato un brano in genovese vestita da Caterina Campodonico, che ha suscitato applausi tra il pubblico presente.

Al termine della presentazione, gli organizzatori hanno offerto al pubblico presente un rinfresco con thé e canestrelli di Acquasanta, a cui è seguita una visita all’interessante Museo della Carta accompagnati da Giuseppe Traverso, giovane di 26 anni che, tramite un progetto del Comune di Mele finanziato dall’Unione Europea, porta avanti l’antica e affascinante professione del Mastro Cartaio.

Il libro “Caterina e l’angelo” di Rita Nello Marchetti è edito da Erga Edizioni ed è facilmente reperibile nelle librerie di Genova e Provincia.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

1 commento

  1. Ho letto il libro “Caterina e l’Angelo” di Rita Nello Marchetti che definirei “il libro che mancava”. Mi è piaciuto.
    Risulta interessante l’intreccio fra storia, arte e memorie familiari. Caterina Campodonico e l’Angelo Nocchiero
    (tomba Carpaneto) per il quale aveva posato a 13 anni il nonno dell’Autrice, sono due monumenti più conosciuti del Cimitero di Staglieno e ne rappresentano le due facce: quella popolare e quella nobile.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina