Home | Novi Ligure e il Novese | Apre la mostra “Campionissimo me”

AL MUSEO DEI CAMPIONISSIMI DI NOVI LIGURE DAL 2 GENNAIO

Apre la mostra “Campionissimo me”

Come tradizione, la città di Novi Ligure si appresta a celebrare il 2 gennaio, giorno in cui ricorre l’anniversario della scomparsa di Fausto Coppi, con un importante evento ospitato presso il Museo dei Campionissimi. Alle ore 16, infatti, verrà inaugurata la mostra dal titolo “Campionissimo me”, Riccardo Guasco un illustratore sul tracciato: illustrazioni, disegni e schizzi intorno al mondo del ciclismo. Saranno esposte tutte le opere che negli anni Riccardo Guasco, individuato da “La Repubblica” tra gli undici illustratori italiani che tutto il mondo ci invidia, ha realizzato sul tema del ciclismo insieme a molti nuovi lavori fatti appositamente per il Museo dei Campionissimi e per questo evento.

La mostra, che si potrà visitare fino all’ultimo fine settimana di marzo, sarà allestita nella Sala Espositiva 1. Al taglio del nastro sarà presente l’autore per presentare personalmente i suoi lavori. Una particolarità è che diverse opere esposte potranno essere acquistate dai visitatori, ai quali verranno consegnate al termine dell’esposizione.toulouselautrec1

La mostra verrà accompagnata da alcune biciclette storiche gentilmente concesse in prestito dalla Mitica, la corsa vintage che nel 2015 festeggerà la sua terza edizione e con cui il Museo dei Campionissimi intende proseguire la proficua collaborazione per la promozione del nostro territorio. Tra l’altro, proprio Riccardo Guasco è l’autore dell’immagine della Mitica, nonché delle scenografie degli spettacoli di Massimo Poggio dedicati al ciclismo

Marta Calcagno
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina