Home | Alessandrino | DELEGAZIONE SINTI IN COMUNE

Riceviamo e pubblichiamo dal Comune di Tortona

DELEGAZIONE SINTI IN COMUNE

Si comunica che il Sindaco ha convocato il Tavolo di Lavoro costituito dall’Amministrazione comunale (Assessori e Dirigenti interessati) e dai rappresentanti della Comunità dei Sinti di Tortona, cui partecipa anche, in funzione di mediatore, il Direttore della Caritas diocesana, don Michele Chiapuzzi.

Nel corso dell’incontro sono stati affrontati i problemi legati alla costruzione della tangenziale e alla regolarizzazione dei canoni delle forniture di acqua.

Sinti und Roma in Neukölln

I rappresentanti della comunità hanno manifestato piena adesione alla proposta dell’Amministrazione di installare i contatori per le utenze direttamente ai nuclei familiari e non più, come avveniva in passato, con un’unica utenza al Comune.

L’impegno maggiore che si è assunta la delegazione a nome di tutta la Comunità, riguarda, al momento, la copertura del debito per il consumo dell’acqua relativo all’anno 2014, ammontante a circa 15mila euro di cui il 50% verrà coperto dal fondo della Caritas e il restante 50% verrà ripartito tra i nuclei familiari della comunità in base alle suddivisioni fatte dal Comune che tengono conto del numero dei componenti del nucleo familiare e dei mq di abitazione.

L’amministrazione sta facendo partire le lettere di richiesta di pagamento ed è allo studio del settore LLPP la messa in posa dei contatori.

Nella riunione si è anche ipotizzato un percorso condiviso sul tema della legalità.

A questo proposito la Caritas ha manifestato la propria disponibilità a studiare insieme ai Servizi sociali comunali, forme e strumenti per aiutare la Comunità dei Sinti a riconvertire l’attuale attività di raccolta ferro vecchio, ormai non più praticabile, in altra attività legittimata e compatibile con le competenze, i mezzi e la tradizione dei Sinti locali.

L’Assessore Silvestri al termine dell’incontro ha spiegato “è sicuramente compito dell’Amministrazione provvedere a incoraggiare e sostenere percorsi educativi creando opportunità alternative soprattutto per i più giovani. è altresì compito dell’amministrazione creare condizioni per le quali tutti i cittadini siano sullo stesso piano e non si verifichino, come è successo in passato, situazioni di questo tipo che non sono economicamente e socialmente sostenibili. Ci auguriamo che la strada intrapresa sia l’inizio di un percorso di legalità e reciproca collaborazione”

Chiara Cartasegna
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina