Home | Sassello | Il Beigua, Sassello e le antenne della RAI

Riceviamo e pubblichiamo direttamente dal Comune di Sassello

Il Beigua, Sassello e le antenne della RAI

La Rai ha scritto nei giorni scorsi al Comune di Sassello e alla Provincia di Savona (e per conoscenza al Comune di Varazze), perché si occupino dello sgombero neve della strada che da Piampaludo va al Beigua. Il Comune di Sassello, in merito a ciò, non è intenzionato ad organizzare il servizio di sgombero neve. Tale viabilità non è stata oggetto del’appalto per lo sgombero neve del Comune. 2009107154333_Antenna UHF

Già a febbraio 2014, alla Rai, che aveva chiesto alla Provincia di Savona e ai Comuni di Sassello, Stella e Varazze di contribuire allo sgombero neve sul lato mare, avevo risposto: “si ritiene ‘indegno’ che un’Amministrazione Statale chieda ad un Ente Locale il rimborso di quote che, anche se per un importo minimo, servono per lo sgombero neve della viabilità che arriva al centro trasmittente del Monte Beigua di esclusiva proprietà di quell’Amministrazione Statale”.

In quella strada il Comune di Sassello non ha alcuna utenza e per buona parte il tracciato non è di competenza comunale; inoltre, sarebbe una spesa non sostenibile il mantenimento della percorribilità con la salatura per il periodo invernale. Anche nel 2009 c’era stato un tentativo coi Comuni di Cogoleto e Varazze, la Provincia di Savona e il Parco del Beigua di occuparsi di quella strada: il primo anno i Comuni di Cogoleto e Varazze (Il Rifugio escursionistico è in territorio di Cogoleto e il ristorante in territorio di Varazze) hanno contribuito alla spesa. L’anno successivo hanno comunicato pure loro che non intendevano più proseguire a finanziare quell’intervento. Ora le amministrazioni sono cambiate, ma forse le risorse sono ancora più scarse di allora.

Lo Stato si è già rattenuto 600 mila euro tra fondo di solidarietà, spending review e IMU di quello che i cittadini sassellesi hanno versato di imposte al Comune. Ritengo “vergognoso” che un’Amministrazione afferente allo Stato, come la RAI ci chieda ancora di approntare un servizio che, come minimo, costerebbe ulteriori 30 mila euro ai cittadini sassellesi.

Dalle antenne della Rai abbiamo solo  disservizi. I Sassellesi vedono solo il cosiddetto “pacchetto Rai” (Rai 1, Rai 2, Rai 3 e Rai news) e quando scendono due gocce d’acqua non si vede nemmeno quello, pur avendo più volte richiesto l’ampliamento dell’offerta. A differenza di un parco eolico o fotovoltaico (ad esempio), che, pur con un pessimo impatto paesaggistico, genererebbero energia pulita e darebbero un contributo economico per le mitigazioni ambientali, le antenne della Rai sul Beigua non concretizzano alcun interesse per la Comunità sassellese. Se alcuni mi dicono che la RAI è un bene di tutti, posso anche rispondere di sì, ma allora devono contribuire tutti, non solo i cittadini sassellesi.

Se vivessimo in Paese normale, la RAI, in quanto Amministrazione dello Stato, come contributo alla “mitigazione ambientale” per l’inquinamento elettromagnetico e “paesaggistico” che abbiamo sul Beigua (nelle giornate serene dal Beigua si può vedere: la Corsica, l’Elba, le Alpi Apuane e tutto l’arco Alpino dal Pizzo d’Ormea fino alla Marmolada), si occuperebbe perlomeno della viabilità per arrivare alle antenne che non servono ai Sassellesi, ma gran parte della Pianura Padana e della Liguria: invece, non viviamo in un Paese normale e l’Amministrazione statale RAI chiede al Comune di Sassello (che non ha alcuna utenza lungo quel percorso) di fare lo sgombero neve per tutti. Questa mattina un funzionario RAI da me interpellato mi ha detto che sono passati da Varazze, dimenticando che con Disposizione n° 211 del 15 novembre 2014 il Comune di Varazze ha chiuso la via per il Beigua. Un po’ come la volpe e l’uva.

Se la Rai ritenesse di proseguire nelle sue richieste, come avevo detto a febbraio, chiediamo che il centro trasmittente della Rai venga rimosso dal territorio del Comune di Sassello. Intanto, per non avere un servizio e avere la bruttura delle antenne, è meglio avere un bel paesaggio.

Daniele Buschiazzo - Sindaco di Sassello
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina