Home | Rondinaria e i tre pais | Maestri di ballo: una vita sul parquet

Wilmer Poggio e Francesca Baradel aprono le porte della Scuola di Ballo A.S.D. WB Danze Alessandria

Maestri di ballo: una vita sul parquet

“Il successo o l’insuccesso nello studio della danza dipende molto da come si iniziano gli studi; per questo occorre dare molta importanza alla scelta del maestro.”

Questa frase di Carlo Blasis riflette appieno le persone di Wilmer Poggio e sua moglie Francesca Baradel, maestri di danza nella Scuola di Ballo A.S.D. WB Danze a Fontanasse, frazione di Casal Cermelli.

Qui con un impegno costante e una forte disciplina allenano coppie di competitori e insegnano a tutti quelli che vogliono avvicinarsi al mondo della danza in senso ludico. ” Nelle nostre lezioni le persone che danzano per diletto sono seguite con la stessa cura dei competitori professionisti” precisa il maestro ” Il primo passo è l’attrazione musicale: poi viene l’esercizio aerobico. Danzare non ha nessuna controindicazione, è consigliabile a tutte le età” prosegue.  A testimonianza di ciò gli iscritti vanno dagli 8 ai 70 anni, e hanno tutti un forte spirito di socializzazione, uno stato d’animo positivo che li porta ad aggregarsi anche al di là della scuola, e sono proprio loro a seguirsi a vicenda e a tifare per i compagni.

Iniziano quasi per gioco: è Francesca a muovere i primi passi e strada facendo coinvolge Wilmer; il percorso diventa serio e professionale tanto che nel 2013 diventano Campioni italiani nella categoria di liscio tradizionale, e sono quarti classificati per ballo da sala. E ancora nella stagione 2013/14 raggiungono il secondo posto come migliore scuola in Piemonte per meriti sportivi, su 104 in concorso.  E’ noto a tutti che la vita di un professionista va di pari passo col proprio lavoro: i coniugi si allenano almeno 10 h settimanali, seguono una dieta sana e sono attivi nel mondo della danza mantenendo i contatti anche con insegnanti di altre discipline che non vengono insegnate nella loro scuola.

” Quando si balla mente e corpo devono incontrarsi”  spiega Francesca ” la coppia deve coordinarsi perchè c’è un grosso dispendio di energia, è come nuotare o pattinare.”  Difficile non rimanere coinvolti dalla loro passione e dal loro impegno, che trapela non appena si entra nella sala da ballo della scuola.

 

Cattura1                                                                                        Cattura3

 

Eleonora Gatti
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina