Home | Rondinaria e i tre pais | Valzer Lento e Mazurka: i balli base della tradizione piemontese

Alla Scuola di ballo A.S.D. WB Danze Alessandria va in scena il primo incontro con i maestri Wilmer Poggio e Francesca Baradel e con il proprietario Giancarlo Bianchi

Valzer Lento e Mazurka: i balli base della tradizione piemontese

I maestri Wilmer Poggio e Francesca Baradel mostrano l’esecuzione del ballo da sala per eccellenza: il Valzer Lento.

Il Valzer nasce in Austria nel XVIII secolo e da quel momento diventa uno dei balli più amati e conosciuti al mondo, in continua evoluzione. Negli USA il Valzer viene codificato come “Valzer Lento” o “Valzer rallentato” e debutta con il nome di Boston o Hesitation. Nel Dopoguerra ha il suo picco di popolarità e diffusione: nasce lo “stile inglese”, che diventa internazionale e che ancor’oggi si danza.

La Mazurka viene eseguita dalla maestra Francesca Baradel e dal ballerino e titolare della scuola Giancarlo Bianchi.

La Mazurka nasce nella Polonia settentrionale già nel 1500. Il termine deriva da mazur, parola che indicava i contadini delle campagne. La Mazurka, infatti, nasce come danza popolare. Il ballo si diffonde successivamente, giungendo fino agli USA, e ha un grande sviluppo in Italia nel Dopoguerra. La particolarità della Mazurka è che ogni regione italiana ha una sua diversa esecuzione. In Piemonte si danza con una tipica “camminata veloce”. Il liscio tradizionale piemontese, portato anche nelle competizioni, prevede tre balli: Valzer brillante, Mazurka e Polka. Nel resto d’Italia vige il liscio unificato, con Valzer viennese, Mazurka ballata con uno stile diverso rispetto alla tradizione piemontese e la Polka saltata.

Sulla nostra pagina Facebook trovate la galleria fotografica completa dell’incontro e sul nostro canale Youtube le esecuzioni e i tutorial dei balli presentati.

Rinnoviamo l’appuntamento all’anno prossimo con i talenti della Scuola A.S.D. WB Danze Alessandria.

Benedetta Acri
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina