Home | Entroterra Genovese | Paolo Fresu in mostra a Busalla

Nel palazzo comunale con "Le graziose maestà"

Paolo Fresu in mostra a Busalla

miniatura_1385285897 Sarà inaugurata giovedì 10 settembre dalle ore 18:00, presso il Palazzo Comunale di Busalla, la mostra “Le graziose maestà” di Paolo Fresu, organizzata dall’assessorato alla cultura del Comune di Busalla, il consorzio Festa di Busalla e la Galleria “San Lorenzo al Ducale”. La mostra sarà visitabile dall’11 settembre al 10 ottobre durante l’orario di apertura degli uffici comunali e l’11,12 e 13 settembre, in occasione della festa partronale “Nel nome di Maria” dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle ore 17:00 alle ore 22:00.

Paolo Fresu, nato a Ozieri, nei pressi di Sassari nel 1950 ma trasferitosi da bambino ad Asti è uno dei più apprezzati pittori, scenografi e scultori italiani contemporanei, dopo aver frequentato l’Accademia Albertina di Torino si dedicò alla scenografia teatrale e televisiva debuttando, nel 1981 con lo spettacolo “Come e perché crollò il Colosseo” del grande Luigi De Filippo, l’anno successivo fu scenografo del film “Grunt” con Andy Luotto e Giorgio Faletti e, nel 1990 realizza le scenografie del varietà del sabato sera della Rai “Fantastico” condotto da Pippo Baudo e Marisa Laurito, nel 1997 è Maestro del Palio d’Asti e realizza i due sendalli dell’edizione.

Nei temi pittorici di Fresu c’è la raffigurazione ironica della borghesia e del potere della nostra società, rappresentata utilizzando i materiali più diversi tra di loro come legno, metalli, stoffe, ecc… Durante la sua lunga carriera Paolo Fresu ha esposto ad Artifiera di Bari, al Teatro San Babila di Milano, al Coliseum di New York, al Silver Sea di Portofino, alla Galleria d’arte di Torino e al Museo del Brucardo di Roma.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina