Home | Valle Stura e Val d'Orba | Pastorino (Campo Ligure) : due nuovi interventi importanti per il paese

Il primo cittadino campese traccia il bilancio amministrativo e parla del futuro

Pastorino (Campo Ligure) : due nuovi interventi importanti per il paese

andrea-pastorino Prosegue il nostro giro di interviste ai sindaci eletti (o rieletti) con il turno amministrativo dello scorso anno, che tracciano il bilancio del primo anno di mandato, oggi abbiamo intervistato Andrea Pastorino, primo cittadino di Campo Ligure.

Anche a Campo Ligure, come in tantissimi comuni dell’entroterra genovese, i primi mesi sono stati inevitabilmente condizionati dagli eventi alluvionali dello scorso autunno “a Campo Ligure purtroppo siamo stati colpiti in entrambi gli eventi, quello di ottobre e quello di novembre, il primo evento ha colpito duramente il centro storico del paese, mentre il secondo ha creato enormi difficoltà per via delle frane e dei piccoli rivi” spiega Pastorino, che prosegue “le strade colpite da frane, compresa quella di Mongrosso che è stata chiusa per diversi mesi, sono state ripristinate, abbiamo speso tutti i soldi destinati alle somme urgenze e chiaro che attualmente abbiamo bisogno di finanziamenti per la messa in sicurezza” dice il primo cittadino campese.

Per quanto riguarda la situazione dei fondi destinati dallo Stato ai comuni alluvionati, la situazione è purtroppo la stessa già constatata in molti enti “è arrivato davvero poco” spiega Andrea Pastorino “abbiamo ricevuto il cinquanta per cento delle somme urgenze dell’evento di ottobre, mentre per novembre non è arrivato nulla, è inevitabile che questo abbia condizionato gran parte dei primi mesi di amministrazione” ci spiega.

Ma, in questo anno di amministrazione ci sono stati diversi interventi importanti, innanzi tutto dice il sindaco Pastorino “finalmente, dal primo di settembre, abbiamo appaltato la demolizione della famigerata copertura del torrente Ponzema, che è stata anche una delle cause dell’alluvione di ottobre, la demolizione partirà a brevissimo e rimarrà solo un tratto coperto dal torrente e non ci sarà più un’area di posteggio ma solo di viabilità”, l’altro intervento importante ci spiega il primo cittadino è “l’aver ottenuto un finanziamento che ci consentirà di risistemare tutti i vicoli del centro storico, rifacendo la pavimentazione con il sistema antico, questo è un progetto già finanziato dalla Regione nel primo mandato al 60% e oggi ripreso, grazie a un progetto del Governo che dava fondi ai comuni che, assieme, risistemavano anche la rete fognaria”.

Riguardo ai risultati della raccolta differenziata in Valle Stura, Pastorino spiega “l’anno scorso siamo rimasti leggermente sotto al 65%, con un leggero stop per via dell’alluvione, rimanendo comunque ai primi posti in Liguria. Quest’anno abbiamo qualche difficoltà e, ne approfitto per dire ai miei concittadini di fare bene la raccolta differenziata, in quanto una legge regionale, che riprende una normativa europea, multerà dal 2017 i comuni che non raggiungono le percentuali di legge”.

Sulla vicenda delle dimissioni da presidente dell’Unione Stura-Orba-Leira, Andrea Pastorino illustra i motivi sono emerse alcune divergenze, non mi nascondo dietro a un dito, su come portare avanti l’unione, tra chi, come me voleva un unione più spinta e chi invece voleva andare più piano si è scelta la seconda strada. Non è un mistero che Campo Ligure e Mele vogliano andare avanti più velocemente mentre Masone e Rossiglione vogliono procedere più con calma, comunque è un’unione che, malgrado qualche inevitabile difficoltà, va avanti bene”.

Campo Ligure, ci dice il sindaco Pastorino, ha fatto bella mostra di se all’Expo di Milano, tramite il circuito dei ‘Borghi più belli d’Italia’, per il quale il sindaco ringrazia il grande lavoro di promozione fatta dagli assessori e dai consiglieri comunali.

La Valle Stura, in questi mesi, è stata anche una terra di accoglienza spiega il primo cittadino “abbiamo aderito, come Valle Stura, al progetto SPRAL del Ministero degli Interni che prevede l’accoglienza dei profughi con asilo politico.

Una piccola polemica, infine, il sindaco Andrea Pastorino la rivolge alla RAI “a quasi quattro anni dal passaggio al digitale terrestre, in tutta la Valle Stura ad eccezione della parte iniziale di Mele, riceviamo solo un mux della Rai, nonostante che paghiamo il canone identico ai cittadini genovesi, abbiamo fatto, anche tramite esponenti politici, diversi esposti, non siamo stati ancora presi in considerazione dalla Rai”.

Leggi le interviste precedenti : Mirco Ferrando (Mele) – Enrico Piccardo (Masone) – Rosario Amico (Serra Riccò) – Loris Maieron (Busalla) – Paola Guidi (Campomorone) – Maria Grazia Grondona (Mignanego) –  Katia Piccardo (Rossiglione) – Armando Sanna (Sant’Olcese)

 

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina