Home | Alessandrino | Tortona e Tortonese | Etologia del cane a Casa Vaikuntha di Fabbrica Curone

Alessandro Coppola propone una cultura cinofila sostenibile

Etologia del cane a Casa Vaikuntha di Fabbrica Curone

Alessandro Coppola, nato a Milano nel 1976, da sempre affascinato dalla relazione tra uomo e cane, inizia ad occuparsene dal 1996, quando al canile municipale di Milano incontra e adotta Baki.
Le difficoltà che affronta nel reintegrare la personalità di Baki si rivelano stimolanti opportunità di crescita personale alle quali non saprà più rinunciare.

Nel 1997 frequenta un corso di formazione per educatori cinofili presso il Biancospino e nel 1998 fa irruzione nella sua vita Artù, cucciolo di border-collie, sul quale Alessandro investirà tutte le sue energie e competenze. Insieme ad Artù arriva alla scoperta del mondo dello sheepdog, disciplina della conduzione dei greggi.

Il binomio Alessandro-Artù si presta a fare da modello alla formazione di decine e decine di cani e padroni, ai quali Alessandro offre le sue prestazioni di educatore cinofilo, con modalità che con il passare del tempo evolvono e si arricchiscono di esperienze e professionalità.

temp
Nel 2009 si trasferisce a Frazione Pareto di Fabbrica Curone (AL), dove vive e lavora insieme ai suoi border-collies, Hari e Radhe: nasce il progetto Casa Vaikuntha.
L’intento è quello di promuovere una cultura cinofila sostenibile e una visione del cane che sia un sodalizio fra razionalità ed emotività. “La conoscenza deve essere per l’uomo uno strumento attraverso il quale realizzarsi e realizzare l’amore.”

Nel 2012 il Centro Studi Bhaktivedanta rilascia ad Alessandro Coppola il Master in Psicologia indovedica, scienza psicologica dell’India antica. Le materie che Alessandro ha avuto la possibilità di approfondire durante questo percorso di studi si integrano in modo perfettamente armonico con gli argomenti che propone durante i suoi corsi di educazione del cane.

Dal 2013 offre conferenze sulla relazione fra uomo e cane in tutta Italia.
Nel giugno 2014 pubblica il suo primo libro, “A proposito del cane, edito da Edizioni Guardamagna di Varzi (PV)

Nel 2015 pubblica il suo primo libro in inglese “About dogs”, edito da Amazon

Nel 2015 inaugura a Casa Vaikuntha il campo sheepdog recintato di 10,000 mq munito di tondino con pecore skudde adatte a tale disciplina, aperto a tutti coloro che desiderano avvicinarsi allo sheepdog per la prima volta e per coloro che vogliono allenare il loro cane da pastore.

Nel 2016 inaugura l’iniziativa Sunday Dog, tutte le domeniche da maggio a settembre. Sunday dog vuole essere una giornata didattica oltre che di svago, durante la quale i nostri cani potranno essere liberi di perlustrare bellissime ed incontaminate aree boschive, socializzare e giocare tra loro, oltre che approfondire la relazione con il loro padrone.

Tale cane tale padrone

Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei; chi va con lo zoppo impara a zoppicare;
uccelli con le stesse piume volano insieme; tale padre tale figlio; tale cane
tale padrone.

Adagi popolari della tradizione ci riportano, con immagini diverse, lo stesso
insegnamento.E quante volte i nostri genitori ci hanno raccomandato di scegliere
con attenzione il tipo di compagnie da frequentare?

Nonostante ogni individuo nasca già con caratteristiche e tendenze proprie che,
come una bussola, orienteranno le sue scelte e il suo destino, le abitudini e i
condizionamenti che si acquisiscono nei differenti contesti relazionali durante
il corso della vita, rappresentano un’altra importante forza capace di dare
vento alle nostre vele, oppure di farci affondare.

Un argomento che colpì molto la mia attenzione, ispirando in parte anche alcune
mie considerazioni sull’educazione del cane, fu quello dei “bambini lupo”.
Bambini che in tenera età, a causa di sfortunate circostanze, poterono trovare
asilo in seno ad un branco di lupi.

Una volta scoperti e riportati alla civiltà, si poté constatare che la traccia
lasciata da quell’esperienza era stata così profonda da rendere molto complesso
il percorso di integrazione del ragazzo nella società, determinando in modo
indelebile tratti distintivi della sua personalità.

Paradossalmente, mentre i lupi sembrano essere in grado di compiere un percorso
di integrazione e fidelizzazione di un individuo estraneo alla loro specie, gli
uomini sembrano avere sempre maggiori difficoltà nel farlo.

Non solo la convivenza con un cane, che dovrebbe essere una modalità acquisita
da secoli, risulta a molti estranea e disagevole, ma l’uomo stesso sembra essere
avulso da se stesso. Le proposte pedagogiche offerte dalla cinofilia riguardano,
nella maggior parte dei casi, forme di condizionamento che si presentano, ad un
pubblico impreparato a riconoscerle, con il nome di “educazione gentile” o
“rinforzo positivo”.

Queste strategie hanno l’effetto persuasivo di soggiogare il cane alle richieste
del suo padrone, facendo leva sugli istinti e le forme di percezione sensoriale
a cui il cane è effettivamente soggetto.

Così, se il nostro fine, il fine del nostro lavoro, del nostro addestramento del
cane, fosse esclusivamente il perseguimento di una spettacolare performance,
potremmo ritenerci soddisfatti.

Ma l’offerta di un biscotto, o il gioco con una pallina non potranno mai essere
il reale veicolo dei contenuti della nostra personalità al nostro cane.
L’effimera soddisfazione di vedere il cane sedersi, o sdraiarsi, o fare capriole
ad un nostro comando-ricatto lascerà il posto alla frustrante delusione di non
aver saputo sfruttare l’opportunità di allevare al nostro fianco un consapevole,
responsabile e partecipe compagno.

Quanto siamo lontani, con questi metodi, dal realizzare l’antico adagio
popolare tale cane tale padrone.

Il rischio di vedere proiettati i nostri difetti nelle relazioni che
intratteniamo con “gli altri”, o con il nostro cane, vale la pena di essere
corso in quanto rappresenta, al contempo, l’opportunità di estirpare quei
difetti dalla nostra personalità.

Siamo così abituati al commercio e alla corruzione da non saper più percorrere
strade alternative al conseguimento dei nostri obiettivi. E le nostre più
profonde istanze rimangono inappagate.

Alessandro Coppola. Le sunday dog di Casa Vaikuntha

Per ulteriori informazioni potete visitare la pagina facebook “Dog training Casa Vaikuntha.

Redazione
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina