Home | Magazine | Gli scatti di Mario De Biasi al Museo Tubino

Si inaugura sabato 2 luglio a Masone la mostra

Gli scatti di Mario De Biasi al Museo Tubino

mario de biasi In occasione della diciannovesima edizione “Rassegna Internazionale di Fotografia”, il Museo Civico “Andrea Tubino” di Masone ospita, a partire da sabato 2 luglio, la prestigiosa mostra fotografica di Mario De Biasi. La mostra sarà visitabile fino al 25 settembre in tutti i fine settimana e, nel periodo di Ferragosto tutti i giorni secondo gli orari del museo.

De Biasi, uno dei primissimi fotoreporter italiani, nacque a Sois, nei pressi di Biella nel 1923. Dopo essersi trasferito a Milano iniziò a collaborare con il settimanale “Epoca” (uno dei più importanti magazine italiani di attualità degli anni ’50 e ’60) realizzando interessanti reportage, tra cui si ricordano quello sulla vita e le contraddizioni della New York degli anni Cinquanta e quello sulla rivolta ungherese del 1956. Tra le opere più famose di De Biasi si ricordano anche i ritratti delle più famose dive dell’epoca quali Marlene Dietrich, Sofia Loren e Brigitte Bardot. Una sua foto tratta dalla serie “Gli italiani si voltano” è inoltre esposta dal 1994 al Museo d’arte moderna “Guggenheim” di Bilbao.

Nel corso della sua lunga carriera, Mario De Biasi si è occupato in particolar modo di cinema, architettura e fotografia naturalistica. Ricevette numerosi premi come il “Premio Saint Vincent” per la fotografia nel 1982, il titolo di “Maestro della Fotografia Italiana” nel 2003 (la massima onorificenza italiana per la fotografia) e l’Ambrogino d’Oro del Comune di Milano nel 2006. De Biasi si spense, all’età di novant’anni, nel maggio 2013.

Una nuova mostra fotografica di grande prestigio quindi, al Museo “Andrea Tubino” di Masone, dopo quella del 2015 che vide esposte le opere di Chiara Samugheo (servizio de L’Inchiostro Fresco di agosto 2015, ndr).

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina