Home | Novi Ligure e il Novese | La Novese al femminile: se il buongiorno si vede dal mattino…

LO STADIO “GIRARDENGO” DI NOVI LIGURE SI TINGE DI ROSA – DOPO LE DISAVENTURE DEL CALCIO MASCHILE

La Novese al femminile: se il buongiorno si vede dal mattino…

ARIANNA MONTECUCCO IN NAZIONALE CONTRO LA GERMANIA Il presidente Dottor Davide Saccone con Silvia Pisano campionessa europea con la under 19 LOGO Mister Fossati Giuseppe Maurizio. SI FESTEGGIA DOPO IL GOOL BARBARA DI STEFANO TRE CONVOCATE Piemonte nel torneo delle regioni....da sx Cadar,Bagnasco,Ravera. UN GRUPPA DI ATLETE DOPO LA VITTORIA DI TORINO vittoria coppa piemonte san mauro torinese

Da parecchi anni a Novi Ligure si sentiva la mancanza di una società di calcio femminile, molto tornei estivi venivano organizzati, in particolare modo dalla nostra organizzazione, la prima anche in provincia con il lancio di un settore arbitrale femminile, oggi abbiamo anche l’onore di portare alla ribalda la nata società “F.C.D. NOVESE CALCIO FEMMINILE” mister quel Giuseppe Maurizio Fossati “al secolo Fossatino” allenatore sino ad una decina di giorni fa della società di Acqui “Accademia Acqui” che nella stagione appena conclusa si è classificata al quarto posto nella serie “B” nazionale.

Non vogliamo innescare sterili polemiche con la ormai defunta società Novese di calcio maschile ( lo scrivente ex giuocatore ha militato in serie D), la defunta società ancora oggi si fregia anche del titolo nazionale conquistato nel lontano 1922, fra sei anni si potevamo festeggiare i suoi cento anni di quella gloriosa impresa.

Oggi lo stadio “Girardengo” potrà ospitare la nata Società Femminile con i migliori auguri di arrivare alla massima divisione, portando cosi alla ribalda e agli albori la città di Novi Ligure che oltre al calcio può annoverare anche il ciclismo con il Campionissimo Fausto Coppi.

Dal 1 luglio la Città dei Campionissimi riavrà una squadra di calcio femminile, trentacinque anni dopo le performance della “Filopur” che ebbe una storia breve e senza eccessiva gloria. Ben diverse le prospettive per la neonata Società che si presenta sul palcoscenico  dello sport nella città dei Campionissimi visto il grande entusiasmo del suo COACH Fossati.

Abbiamo avvicinato l’anima e il portavoce della neonata società Fossati

 

 

 

 

 

 

La società è nata nel 2013 come Acqui grazie al direttore generale Arturo Merlo e team manager Fabio Cerini, hanno fortemente voluto con il sottoscritto creasse una squadra al femminile.
Mi seguirono nel progetto 5 giocatrici che erano con me nell’Alessandria femminile, Barbara Di Stefano (capitano), Romina Draghi, Chiara Mensi, Francesca Lardo e Giulia Rossi pensando che l’anno prima si giocavano la serie A, rinunciarono a tutto per partire da zero, la scelta fu ripagata con la vittoria del campionato di serie D, coppa Piemonte e premio disciplina (la nostra tripletta),120 goal fatti 8 subiti e Capitan Di Stefano capocannoniere del campionato con 31 goal, abbiamo avuto il coraggio di lanciare nella mischia giocatrici sconosciute che arrivarono a indossare la maglia della rappresentativa regionale.
L’anno successivo in serie C ci ripetemmo restando primi in classifica dalla prima giornata all’ultima (GIADA BAGNASCO convocata in Nazionale Under 19) e stabilendo un record….un anno intero senza mai subire una sconfitta.
Dopo la promozione in serie “B” abbiamo dovuto accollarci anche la società (causa la scissione) si dovette cambiare nome da Acqui ad “Accademia Acqui” per via delle vicende interne societarie.
Come presidente venne eletto il Dottor Saccone Davide, io Fossati da vice, segretario Andrea De Marchi, consiglieri Giorgio Basso e Carlo Fossati.
Nel campionato cadetto arrivammo al quarto posto disputando un campionato eccezionale da neopromossa con Arianna Montecucco a 18 centri capocannoniere della squadra e guadagnando da parte degli addetti ai lavori l’appellativo di “migliore matricola di tutta italia”.
Alla fine del campionato in comune accordo tra tutti noi del consiglio(Novesi Docg) decidemmo di terminare il discorso Acqui, mettendo in piedi la neonata ( la società aveva già una sede a Novi Ligure) con tanta voglia di portare agli albori queste giovani promesse del calcio femminile nel formare una società Novese visto che manca da più 35 anni e grazie al Sindaco Rocchino Muliere e l’Assessore allo sport Stefano Gabriele il nostro progetto sta per realizzarsi nel migliori dei modi .

Conclude Fossati con una grande promessa.
Con l’inizio della nuova stagione sportiva ci stiamo muovendo per rinforzare la rosa e come obbiettivo cercheremo di migliorare il quarto posto cercando di gestire le risorse economiche al meglio (non abbiamo debiti, non vogliamo fare debiti) e tramite la collaborazione con il Circolo Ilva di Novi ci adoperiamo per una formazione esclusivamente femminile del settore giovanile.

 

 

G. M.
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina