Home | Entroterra Genovese | “Non ti scordar di me” in scena a Senarega

Uno spettacolo nelle vie del borgo medioevale di Valbrevenna

“Non ti scordar di me” in scena a Senarega

CANDIDA POSTINA IN BICICLETTA (cortesia F.Firpo) “Non ti scordar di me è il titolo di uno spettacolo teatrale inedito, il cui nome richiama inevitabilmente quello di una celebre canzone degli anni ‘30 portata al successo dal tenore Beniamino Gigli, che sarà in programma sabato 23 alle ore 19:00 nell’incantevole borgo medioevale di Senarega, frazione di Valbrevenna.

Lo spettacolo tratto dai racconti di Maria Paola Zitto, la vita del piccolo paese durante i difficili anni dell’ultima guerra mondiale, attraverso le voci di donne senza tempo e l’adattamento teatrale e la messa in scena di Cristina Parodi.

Il percorso narrato, attraverso la suggestiva location delle vie del piccolo borgo medioevale di Senarega, il suo castello e l’oratorio, attraverso il quale gli spettatori incontreranno le letture e le interpretazioni di Paola Falcone, Uccia Gonnella, Franca Manitto, Marina Mosca, Elisabetta Parodi, Agostina Repetto e Anna Tranquillo.

Non ti scordar di me” è organizzato dall’associazione “Lo Sfoglio e Bibliothè” con la collaborazione delle amministrazioni comunali di Valbrevenna e Casella. Lo spettacolo è ad ingresso gratuito, per qualunque informazione in merito si possono contattare i numeri 347-1062206 o 347-9534511. Al termine dello spettacolo, inoltre, è prevista una cena in piedi (a partecipazione facoltativa) presso il Castello dei Fieschi di Senarega a cura della Trattoria Il Pippo.

Per raggiungere Senarega arrivando da Casella si prosegue in direzione Avosso, una volta superato il ponte sul torrente Brevenna si imbocca a sinistra la strada provinciale 11 della Valbrevenna proseguendo lungo il fondovalle fino a raggiungere Senarega.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina