Home | Entroterra Genovese | Il Festival Organistico Internazionale arriva nell’entroterra

Appuntamento con la musica sacra nelle terre dell'Oltregiogo

Il Festival Organistico Internazionale arriva nell’entroterra

o_27cf8aca24 È tornato l’appuntamento con il Festival Organistico Internazionale, giunto alla sua diciottesima edizione, con la solenne musica sacra che percorre le terre liguri, senza tralasciare ovviamente il suo entroterra. L’edizione di quest’anno, organizzata dall’Associazione Culturale Rapallo Musica, con il patrocinio e il contributo della Regione Liguria, della Città Metropolitana di Genova e dei comuni ospitanti ed il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali; vedrà esibirsi musicisti provenienti da tutta Italia e da diversi paesi europei.

In particolare, per la zona coperta dal nostro giornale, si inizia domani sera, nella Chiesa Parrocchiale di N.S. dell’Assunta della Gaiazza, frazione di Ceranesi, dove, alle ore 21:15 Giorgio Gulla si esibirà all’organo. Mercoledì, sempre alle ore 21:15, il festival arriva nella riviera genovese, a Cogoleto dove, nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Maggiore, si potrà ascoltare l’organo di Giancarlo Parodi.

L’organo di Gaetano Magarelli sarà il protagonista di due appuntamenti, domenica 7 a Moconesi (in Val Fontanabuona) nella chiesa parrocchiale di San Giuseppe e Margherita e lunedì 8 a Torriglia, nella chiesa parrocchiale di Sant’Onorato di Arles. Entrambi gli appuntamenti si terranno alle ore 21:15.

Dopo i concerti nei comuni della riviera di Levante, il Festival Organistico ritorna nell’entroterra mercoledì 24 agosto, nella chiesa parrocchiale di Sant’Ambrogio a Mignanego dove si esibirà l’organista svizzero Marc Fitze. Campomorone ospiterà ben due appuntamenti del prestigioso festival, il primo lunedì 29 agosto nella chiesa parrocchiale di San Bernardo con la musica dell’organista francese Viviane Loriaut, mentre giovedì 1°settembre la chiesa dell’Ascensione di Pietralavezzara ospiterà l’organo di Piermario Grosso.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina