Home | Novi Ligure e il Novese | Le confraternite di Misericordia

Mostra temporanea diffusa promossa dalla Diocesi di Tortona all’interno del Progetto Città e Cattedrali 2016

Le confraternite di Misericordia

La Diocesi di Tortona, in collaborazione con il Gruppo FAI di Novi Ligure ed il SIPBC delegazione del Tortonese e con il patrocinio del Comune di Novi Ligure, propone l’evento Le confraternite di Misericordia.

Immagine2 Madonna della Misericordia

Partendo dal tema dell’anno giubilare della Misericordia l’evento culturale sarà occasione per raccontare la storia di alcune Confraternite diocesane, valorizzandone il ruolo che le ha caratterizzate sin dalle origini come prime dispensatrici di opere di misericordia.

L’iniziativa si inserisce all’interno del più ampio progetto, denominato ‘Città e Cattedrali’, che vede la partecipazione di diversi soggetti: la Consulta Regionale per i Beni Culturali Ecclesiastici del Piemonte e della Valle d’Aosta, la Fondazione CRT, la direzione Regionale Mibact, la Società Arcus, la Regione Piemonte e le Diocesi delle due regioni coinvolte. Obiettivo comune è la valorizzazione del patrimonio ecclesiastico delle regioni Piemonte e Valle d’Aosta tenendo aperti i beni, garantendone la fruibilità e l’accoglienza.

Cattura

Sabato 17 settembre, alle ore 11, nel settecentesco Oratorio della Misericordia di Novi Ligure verrà inaugurata la mostra temporanea “Le Confraternite di Misericordia”, mostra diffusa che già dallo stesso pomeriggio vedrà in contemporanea l’apertura di diversi luoghi: il Museo Diocesano di Tortona, gli Oratori di San Rocco e San Carlo a Tortona, l’oratorio della Maddalena a Novi Ligure, gli Oratori dei Bianchi e dei Rossi di Serravalle Scrivia, il Museo d’Arte Sacra di Rocchetta Ligure, l’Oratorio di San Rocco a Casalnoceto.

All’inaugurazione saranno presenti Mons. Mario Bonati, Vicario della Diocesi di Tortona; Rocchino Muliere, Sindaco di Novi Ligure; un Rappresentante della Fondazione CRT; don Gianluca Popolla, Delegato per i Beni Culturali Ecclesiastici del Piemonte e della Valle d’Aosta; un rappresentante della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio; Fulvio Cervini, professore di Storia dell’Arte Medievale presso l’Università di Firenze (già funzionario di zona della Soprintendenza Piemonte).

L’Oratorio della Misericordia, chiuso al pubblico da tempo, è stato riaperto solo quest’anno per la prima volta durante le Giornate FAI di Primavera, grazie alla collaborazione tra la Diocesi e il Gruppo FAI di Novi Ligure; era sede della Confraternita Orazione e Morte, che aveva come compito quello di dare sepoltura a coloro che non potevano essere tumulati nei cimiteri consacrati. Oggi spoglio di ogni arredo (le tele recuperate sono custodite presso i locali della Diocesi di Tortona per motivi di sicurezza) diventa oggetto di valorizzazione e luogo espositivo temporaneo in questa parte del Piemonte, appartenente alla Diocesi tortonese, ma storicamente e culturalmente ligure anche nelle sue tradizioni, come quelle legate alle confraternite.

In questa occasione, all’interno dell’Oratorio della Misericordia saranno esposti alcuni abiti delle confraternite, stendardi e bastoni processionali; saranno ricollocate nelle loro sedi originarie le riproduzioni di alcune tele facenti parte dell’arredo originario della chiesa; attraverso dei pannelli didattici verrà ricostruita la storia e l’attività delle Confraternite diocesane, in qualità di primi enti dediti alle opere di misericordia. Nel periodo di apertura della mostra, dal 17 settembre al 30 ottobre, le scuole verranno coinvolte attraverso visite guidate, svolte dai volontari del FAI, e laboratori didattici gratuiti appositamente studiati.

In contemporanea la Diocesi propone un’esposizione temporanea, all’interno del suo percorso permanente presso i locali del Museo Diocesano di Tortona, di documenti provenienti dall’Archivio Storico Diocesano e dagli archivi delle confraternite.

L’inaugurazione della mostra “Le Confraternite di Misericordia” sarà inoltre l’occasione per presentare il Passaporto del Pellegrino ideato dalle Diocesi del Quadrante Sud-Est (Acqui, Alessandria, Asti, Casale M.to, Tortona) sempre all’interno del Progetto Città e Cattedrali. Il passaporto del pellegrino, partendo dagli esempi utilizzati lungo le vie di Pellegrinaggio, si propone come strumento di accompagnamento per il turista lungo i percorsi di Città e Cattedrali, proposti sul portale www.cittaecattedrali.it, in particolare  quelli dedicati a “La scultura dei compianti” e “Gli antichi crocifissi”.

La mostra sarà aperta tutti i sabati e le domeniche sino al 30 ottobre con orari differenti nei diversi siti, per info www.cittaecattedrali.it, per le prenotazioni contattare l’Ufficio Beni Culturali Diocesano di Tortona chiamando dal lunedì al venerdì mattina il numero 0131.816609 o inviando una e-mail a beniculturali@diocesitortona.it.

 

M.R.
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina