Home | Ovada e Ovadese | Ad Ovada di scena le “ragioni del NO”

Mercoledì 23 novembre alle 21 presso il teatro Splendor di Ovada

Ad Ovada di scena le “ragioni del NO”

le-ragioni-del-no1

Il referendum costituzionale del 4 dicembre rappresenta un momento importante per la
nostra Repubblica perché potrebbe portarci a un nuovo sistema politico dove un solo uomo
può dettare legge.
Il quesito referendario, su cui i cittadini devono votare, è ingannevole e l’elettore deve
documentarsi per votare in modo consapevole.
E’ quindi importante fare conoscere ai cittadini cosa contiene effettivamente la modifica della
legge costituzionale, proposta dal governo Renzi e approvata dai due rami del parlamento a
colpi di votazioni sulla fiducia al Governo dal PD e dai suoi variegati alleati.
Abbiamo quindi organizzato per mercoledì 23 novembre alle 21 presso il teatro Splendor
di Ovada un incontro/dibattito alla presenza di due relatori esperti, dall’indubbio curriculum
di conoscenza:
• La Prof.ssa Maria Luisa Bianco Ordinario di Sociologia e Presidente del Corso di
Laurea Magistrale in Società e Sviluppo Locale dell’Università del Piemonte Orientale;
• Il Dott. Michele Marchesiello, una vita da Magistrato, che ha collaborato con
prestigiose istituzioni mondiali, oggi scrittore.
Riteniamo anche importante conoscere come la pensano i giovani chiamati per la prima volta
ad esprimere il proprio voto in una materia così complicata.
Per questo abbiamo invitato uno studente del Liceo Scientifico Statale di Ovada Francesco
Falleni, neo elettore, per comprendere come i giovani si preparano a questo appuntamento.
La serata è aperta a tutti coloro che vogliono comprendere e se lo desiderano intendono porre
le loro domande per chiarire i dubbi su cosa si è chiamati a votare.

G.V.
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina