Home | Alessandrino | Spesa alimentare: i consigli della CIA per evitare gli sprechi di fine anno

Riceviamo e pubblichiamo

Spesa alimentare: i consigli della CIA per evitare gli sprechi di fine anno

Stima spesa alimentare e sprechi natalizi

Natale, Cia: la tradizione nel piatto, ma possibili sprechi per 230 milioni di euro

Festività alle porte e preparativi per le tavole di rito. Gli italiani non rinunceranno ai cibi della tradizione e riempiranno il carrello della spesa. Forse anche troppo. Con il rischio che molti prodotti andranno sprecati. In pochi giorni potrebbero andare persi circa 230 milioni di euro. La stima è della Cia, che calcola in un +9% il valore del cibo in surplus che verrà acquistato negli ultimi giorni di dicembre.

Il primo consiglio che dà l’Organizzazione è effettuare la spesa ragionata: scrivere una lista accurata dei beni alimentari prima di recarsi nei punti vendita per evitare di ritrovarsi nelle buste cibi che non verranno poi utilizzati. La seconda indicazione è di stampo solidale: in dieci giorni di festa le famiglie italiane spenderanno in media per la tavola una cifra intorno ai 300 euro, con una movimentazione complessiva pari a 3 miliardi di euro circa. Basterebbe che ogni famiglia acquistasse almeno un prodotto enogastronomico proveniente della aree terremotate dell’Appennino centrale per dare un’iniezione di fiducia alle aziende colpite dalla tragedia del sisma. Sul podio degli acquisti “top” i dolci a partire da pandoro e panettone, carne e pesce per la Vigilia e tanto spumante per i brindisi. Bene anche leguminose, spinte dalla tradizione delle lenticchie per l’ultimo dell’anno.

Tornando ai macro numeri, in tutto il mese di dicembre gli italiani sborseranno per la spesa alimentare oltre 15,3 miliardi, di cui 1,3 miliardi di euro in cibi che non verranno consumati. Nonostante i miglioramenti registrati negli ultimi anni sul fronte degli sprechi e il varo di una legge ad hoc per contenerne gli effetti, la strada virtuosa “anti-spreco” è ancora lunga.

Foto: ecoavoi.it

ALCUNI NUMERI

LA SPESA E GLI SPRECHI ALIMENTARI DELLE FAMIGLIE ITALIANE NEL PERIODO NATALIZIO

Spesa alimentare: le statistiche della CIA per evitare gli sprechi di fine anno

Genny Notarianni
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

2 commenti

  1. Basta usare le buone abitudini. Ieri a fine pranzo ho porzionato quando non consumato.messo nel congelatore. Lo mangeremo con calma dopo le feste. Semplice no?

  2. In effetti basta poco, grazie di averci portato il tuo esempio Patrizia e Buone Feste.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina